Firmato il nuovo contratto nazionale per colf e badanti - BergamoNews
L'accordo

Firmato il nuovo contratto nazionale per colf e badanti

A Bergamo circa 10mila addetti regolari coinvolti (ma oltre il 50% del personale potrebbe essere sommerso)

Dopo quattro anni di attesa, è stato firmato il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale dei lavoratori del settore domestico, cioè di colf e delle cosiddette ‘badanti’: l’intesa, sottoscritta da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs, Federcolf e le associazioni datoriali Fidaldo e Domina, sarà in vigore da ottobre e riguarderà circa 860 mila addetti regolari del comparto in tutt’Italia, circa 10mila in provincia di Bergamo.

“In una fase complessa per i rinnovi contrattuali del nostro settore ma in generale di diversi altri comparti, auspichiamo che questa firma sia la prima di molte. Milioni di lavoratori stanno aspettando” hanno commentato Mario Colleoni, segretario generale della Filcams-Cgil di Bergamo, e Cristina Guerinoni che per la categoria provinciale segue il settore. “È davvero positivo essere riusciti a rinnovare un contratto che riguarda lavoratori spesso invisibili ma con ruoli chiave nella gestione di tante famiglie, in una società che invecchia sempre di più”.

“Il nuovo contratto nazionale del lavoro domestico risponde alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori di un comparto sempre più essenziale nel nostro Paese, dove la prestazione viene sempre più spesso affidata alle mani esperte degli assistenti familiari, nell’accezione più ampia del termine riconosciuta dal rinnovo contrattuale, che valorizza la prestazione d’opera riconducibile alla gestione familiare quotidiana e al lavoro di cura e assistenza a minori e ad anziani e a persone non autosufficienti lo è ancor di più in una provincia come quella bergamasca, dove la presenza di persone non autosufficienti sta raggiungendo numeri importanti – dichiara Alberto Citerio, segretario generale Fisascat Cisl -. La nuova denominazione di assistente familiare introdotta dal nuovo contratto rappresenta un notevole cambio di paradigma che non solo qualifica la professione, permettendo al lavoratore (10.323 le badanti iscritte all’INPS a Bergamo) di avere una percezione della propria prestazione svolta, ma anche alle famiglie che usufruiscono del servizio di apprezzare il lavoro di cura e assistenza al di là del costo sostenuto

Il nuovo contratto prevede un’indennità specifica per chi assiste bambini fino ai 6 anni di età e a chi si prende cura di più di una persona non autosufficiente. Per chi, poi, è in possesso della certificazione professionale (definita “di qualità”), verrà riconosciuta un’ulteriore indennità di 10 euro mensili. Per tutti i lavoratori è previsto un aumento (al livello medio) di 12 euro mensili.

“Per noi è fondamentale avere qualificato aspetti che riguardano l’organizzazione del lavoro domestico, così come avere previsto una valorizzazione delle professionalità delle lavoratrici” proseguono i due sindacalisti. “In questo settore resta alta l’esigenza di lavorare affinché le politiche di regolarizzazione siano sempre più diffuse vista l’alta percentuale di irregolarità, che stimiamo possa aggirarsi oltre il 50% dell’intero comparto. Significa che più di una lavoratrice su due verosimilmente non ha contratto regolare o proprio non ce l’ha. Questo rinnovo prova a definire nuove figure professionali, nel tentativo di spingere verso l’emersione perché la priorità deve essere quella di valorizzare il lavoro regolare”.

leggi anche
  • Rientro dalle ferie
    Badanti, prevenzione e controllo non sia a carico delle famiglie
    Una badante con un'anziana
  • L'intervento
    Badanti, Carnevali (Pd): “Sì a regolarizzare, garantire stabilità e tutele, far emergere il nero”
    badanti badante
  • La denuncia cisl
    Emergenza badanti a Bergamo: possibili 2.000 “licenziamenti” ad aprile
    badanti badante
  • Fnp cisl
    Badanti e cura ai tempi del coronavirus: come comportarsi
    badanti badante
  • L'allarme
    Badanti, la Cisl denuncia: “Attenzione alle tasse occulte, costi in più per le famiglie”
    anziani
  • Multiservizi
    Settemila lavoratori da 7 anni in attesa del Contratto: “Da angeli alla serie B”
    assemblea lavoratori multiservizi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it