Quantcast
L'Inghilterra sperimenta l'asfalto sostenibile di Iterchimica - BergamoNews
L'azienda di suisio

L’Inghilterra sperimenta l’asfalto sostenibile di Iterchimica

A Datford, nel Kent, su un tratto di strada è stato posato l'additivo high tech dell'azienda bergamasca che rende il manto stradale più resistente

Per accelerare l’adozione di nuove tecnologie e materiali l’additivo Gipave di Iterchimica, contenente grafene e plastica riciclata, è in fase di sperimentazione nel Kent come parte di un programma Live Labs nel Regno Unito.

Dopo essere stato posato sulle piste degli aeroporti di Fiumicino e Cagliari e sulla SP03 Via Ardeatina a Roma e Milano-Meda, vicino a Milano, anche l’Inghilterra sperimenta l’asfalto sostenibile dell’azienda bergamasca.

Il programma biennale è supervisionato dall’Associazione dei direttori dell’ambiente, dell’economia, della pianificazione e dei trasporti (ADEPT) che rappresenta i direttori delle autorità locali inglesi e finanziato dal Dipartimento per i trasporti. Le tecnologie in fase di sperimentazione riguardano comunicazioni, materiali, soluzioni energetiche e mobilità.

“Vogliamo testare molte innovazioni diverse rapidamente e su larga scala – ha detto Giles Perkins, ADEPT SMART Places Direttore del programma Live Labs e responsabile della mobilità futura presso WSP, uno dei partner privati ​​coinvolti nel programma – e, cosa importante, raccogliere le prove di come le cose si comportano dal punto di vista dell’ingegneria e del programma ma anche dal punto di vista del caso aziendale”.

L’appaltatore Amey ha posato l’asfalto contenente l’additivo Gipave su un tratto di strada principale lungo 350 m a Dartford, nel Kent, nel giugno 2020, accanto a un tratto lungo 350 m pavimentato con asfalto tradizionale. Le due sezioni di pavimentazione saranno attentamente monitorate e testate per confrontare durata e prestazioni.

Lo specialista di additivi Iterchimica ha collaborato con il fornitore di grafene Directa Plus, l‘Università di Milano Bicocca e lo specialista dei rifiuti G.Eco per creare Gipave, che è composto da tre componenti: plastica di scarto tecnicamente selezionata, un composto attivo composto da additivi di Iterchimica e G + grafene. I rifiuti di plastica utilizzati sono plastiche dure che attualmente non possono essere riciclate e quindi di solito finiscono in impianti di energia da rifiuti.

“Siamo orgogliosi di collaborare con Kent County Council e Amey in questa sperimentazione – ha affermato Federica Giannattasio, CEO di Iterchimica -, che ci consente di valutare l’efficacia delle pavimentazioni in asfalto potenziate con grafene”.”A partire da quest’anno, il nuovo stabilimento produttivo ci consente di iniziare a vendere un prodotto che raggiunge gli obiettivi fissati dalla Green and Circular Economy, oltre a quelli relativi allo Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e al Paris Climate Agreement (2015)”.

“L’utilizzo di questa tecnologia come parte dei nostri programmi di manutenzione – ha concluso David Ogden, direttore commerciale di Amey – potrebbe vederci creare un asfalto più durevole che potrebbe migliorare la sicurezza dei clienti, la durata delle nostre strade, oltre a ridurre gli impatti sul tempo di viaggio che porta con sé molti vantaggi ambientali e di riduzione del carbonio”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Pistola giocattolo
Bergamo
Furto al Carrefour con pistola giocattolo: fermati tre minorenni
Bergamo nel cuore #Photo
L'analisi
In estate timidi segnali di ripresa per il settore extra alberghiero di Bergamo
Generico settembre 2020
Osio sotto
Sematic annuncia: produzione in Ungheria, a rischio posti di lavoro e scatta lo sciopero
Laboratorio Italiano Design
Laboratorio italiano design
Rimettiamo a nuovo le seconde case: restyling di un appartamento di montagna
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI