Riccardo Chailly e La Scala in Santa Maria Maggiore per commemorare le vittime del Covid - BergamoNews
Lunedì 7 settembre

Riccardo Chailly e La Scala in Santa Maria Maggiore per commemorare le vittime del Covid

L’Orchestra del Teatro alla Scala farà tappa a lunedì 7 settembre Bergamo, nella Basilica di Santa Maria Maggiore

“Questa terra porta qui stasera le sue ferite, i suoi troppi morti, i troppi malati”, ma anche “le umiliazioni dell’impotenza, le meschinità delle beghe, le banalità dei discorsi, le contrapposizioni pretestuose, mentre sarebbe necessaria una alleanza, una coralità per affrontare insieme le sfide e le lacrime di questo tempo”. Queste le parole di monsignor Mario Delfini, l’arcivescovo di Milano,che hanno introdotto la Messa da Requiem di Verdi in Duomo eseguita nella serata di venerdì 4 settembre dal Coro e Orchestra del Teatro alla Scala.

Hanno assistito all’esecuzione del Requiem, diretto dal maestro Riccardo Chailly, seicento persone, numero massimo di spettatori possibili alla luce delle norme anti-contagio. Tra il pubblico, oltre al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e alle autorità, i cittadini rappresentanti delle categorie che hanno svolto in prima linea ruoli essenziali durante il lockdown. Come Elisa Mismetti la porta lettere che durante l’esplodere della pandemia ha continuato a svolgere il proprio lavoro tra Alzano lombardo e Nembro.

Il concerto, trasmesso in diretta televisiva da Rai 5 e radiofonica da Radio3, è stato seguito su maxi-schermo anche nella Parrocchia di San Biagio e della Beata Vergine Immacolata di Codogno, la prima città italiana colpita dalla pandemia.

Dopo la data Milanese, l’Orchestra del Teatro alla Scala farà tappa a lunedì 7 settembre Bergamo, nella Basilica di Santa Maria Maggiore e mercoledì 9 settembre a Brescia nel Duomo Vecchio. Oltre a orchestra e coro, preparato da Bruno Casoni, si esibiranno i solisti Krassimira Stoyanova, Elīna Garanča, Francesco Meli e Michele Pertusi, a Bergamo, mentre a Brescia ci sarà Renè Pape, già esibitosi a Milano.

Come testimoniato dalla serata al Duomo di Milano, i tre concerti, dedicati alle vittime della pandemia, rappresentano un momento di raccoglimento spirituale che unisce Milano a due delle città più colpite della Lombardia nella condivisione delle sofferenze di questi mesi. Non solo, rappresentano la gioia della ripartenza e della rinascita.

Con la Messa da Requiem Riccardo Chailly avvia settimane di intensissimo lavoro con i complessi scaligeri, dalla riapertura del Teatro con Coro e Orchestra e la Nona Sinfonia di Beethoven dal 12 settembre al “Concerto per l’Italia” in Piazza del Duomo con la Filarmonica il 13 fino alle rappresentazioni di Aida a partire dal 6 ottobre.

leggi anche
  • La riapertura
    A Lovere scuole pronte per la riapertura: “Edifici adeguati alle norme anti Covid”
    scuole lovere
  • Verso le elezioni
    Fuipiano, Zuccala: “Puntiamo sui servizi”; Elena: “Valorizziamo il paese”
    candidati a fuipiano
  • L'ue e noi
    Il Next Generation EU e le riforme che ci chiede l’Europa
    Antonello  Pezzini
  • La lettera
    Covid, Berlusconi nella suite al San Raffaele e “mio marito morto solo senza una carezza”
    Suite Berlusconi
  • Il caso
    Bus diversi per gli immigrati? Polemica contro la Lega: “Proposta razzista”
    Generico settembre 2020
  • Covid & opera
    La Scala senza la Prima con la “Lucia” di Donizetti: “Triste, ma è la scelta giusta”
    renato filisetti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it