Quantcast
Nonni di Bergamo verso lo sciopero? "L'autunno sarà caldo anche per noi" - BergamoNews
L'allarme dei sindacati

Nonni di Bergamo verso lo sciopero? “L’autunno sarà caldo anche per noi”

La Fnp orobica fa il conto del 'welfare' prodotto dai pensionati. Delasa (Cisl): “Non siamo un peso per il paese, mancano politiche per la famiglia”

“Se i nonni scioperassero, l’intera provincia andrebbe in tilt. Lo abbiamo visto nel periodo del Covid, quando nidi e scuole hanno chiuso il cancello a bambini e ragazzi, spiazzando da un giorno all’altro le famiglie che stavano ancora continuando a lavorare e ancora di più quando l’isolamento ha impedito ai figli di contare sui nonni per l’assistenza a tempo pieno”.

Caterina Delasa fa propria l’immagine che il segretario nazionale dei pensionati CISL, Piero Ragazzini, ha sdoganato (lo sciopero dei nonni) e “apre” all’autunno caldo delle rivendicazioni dei pensionati: riforma delle pensioni, legge per la non autosufficienza, ma anche sanità pubblica efficiente e presente sul territorio, rete di Rsa e Centri diurni attrezzata e accessibile anche economicamente. Alle porte una manifestazione nazionale, con iniziative al livello regionale, per rilanciare le proposte che Fnp, insieme ai colleghi di Cgil e Uil, da tempo avanza, pressoché inascoltata.

“Quello che si è verificato durante l’emergenza Covid-19 non deve più ripetersi – prosegue Delasa -. Vanno potenziate la medicina del territorio e l’assistenza domiciliare; va emanata una legge quadro nazionale sulla non autosufficienza, che tuteli le persone fragili e chi le assiste e che garantisca livelli essenziali omogenei in tutto il territorio. Chiediamo città a misura di persona, come dal progetto avviato con il comune di Bergamo con politiche per l’invecchiamento attivo e in buona salute, e investimenti per migliorare la vita degli anziani e creare nuovi posti di lavoro per i giovani. Infine, riduzione delle tasse ai lavoratori e ai pensionati, ampliare la platea di beneficiari della quattordicesima”.

Quello che manca, secondo la segreteria Fnp Cisl di Bergamo, è la consapevolezza dell’importanza della presenza dei pensionati nella vita sociale: a Bergamo i titolari di pensione sono poco meno di 300mila persone, con un ‘giro’ di oltre 4 miliardi di euro all’anno. Già, molta parte di questi assegni servono per aiutare figli e nipoti a “barcamenarsi” fino alla fine di ogni mese.

“Molti nonni hanno anticipato l’assegno di cassaintegrazione dei figli che ha tardato a arrivare per tutta la quarantena – spiega sempre Delasa -. Al tempo stesso, l’impossibilità di uscire ha impedito a molte famiglie di affidare ai nonni i nipoti “orfani” della scuola, obbligando i genitori a consumare ferie e permessi non pagati. I pensionati non sono un peso per il Paese: se i nonni facessero sciopero credo che ci sarebbero forti difficoltà per la tenuta del Paese. Molte volte gli anziani suppliscono alle carenze delle infrastrutture e danno una mano, oltre che ai nipoti, alle donne che in questa crisi hanno pagato il prezzo maggiore. I nonni e le nonne aiutano la famiglia e in questo Paese le politiche della famiglia non sono mai state al centro dell’attenzione”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Photo by Ekaterina Shakharova on Unsplash
La ricorrenza
Una triste Festa dei nonni, oltre duemila quelli portati via dal Covid
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI