Regionali, Gallone (FI): "Test sierologici per scrutatori, segretari e presidenti di seggio" - BergamoNews
La richiesta

Regionali, Gallone (FI): “Test sierologici per scrutatori, segretari e presidenti di seggio”

I senatori di Forza Italia: "Se davvero si vuole tutelare la salute pubblica, è necessario effettuare tamponi o al limite test sia all'inizio delle operazioni di voto che alla fine"

“Il Governo disponga test sierologici rapidi per scrutatori, segretari e presidenti di seggio in vista delle prossime elezioni regionali e del referendum sul taglio dei parlamentari”. È la richiesta dei senatori di Forza Italia, compresa la bergamasca Alessandra Gallone.

“Se veramente si vuole tutelare la salute pubblica – spiegano – è necessario effettuare i tamponi o al limite i test sia all’inizio delle operazioni di voto che alla loro conclusione. Abbiamo presentato un’interrogazione ai ministri dell’Interno e della Salute per sapere se e come intendano garantire questo diritto fondamentale in vista di un appuntamento elettorale così impegnativo”.

“A differenza di quanto sta accadendo per la scuola, dove il personale docente e Ata non è obbligato a sottoporsi al test sierologico – continuano – riteniamo invece opportuno che i tamponi o almeno questi test siano effettuati quale condizione preliminare all’assunzione dell’incarico. Prevenzione deve essere la parola d’ordine – concludono -. Chiediamo, pertanto, che il governo si attivi in tal senso e predisponga test obbligatori per garantire la salute del personale impiegato nei seggi e di tutti gli elettori che si recheranno alle urne”.

leggi anche
  • 20 e 21 settembre
    Tutti i candidati e le liste dei 13 Comuni bergamaschi chiamati al voto
    Generico
  • Bergamo città
    Etichette per il voto: sì al ritiro ai nuovi seggi direttamente domenica e lunedì
    Etichetta seggi voto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it