Il ricordo

“Daverio, colto e intelligente: quando l’ho conosciuto aveva un naso da clown”

Giovanni Cappelluzzo, dirigente del Comune a Bergamo, ex presidente della Provincia, ha lavorato alla candidatura delle Mura venete a patrimonio dell'Unesco. Nella sua squadra c'era anche lo storico dell'arte scomparso mercoledì 2 settembre

Ho conosciuto Philippe Daverio il Martedì Grasso del 1996. Quel pomeriggio ero andato a Milano a trovare il sindaco Marco Formentini. Eravamo nel suo ufficio a Palazzo Marino, quando entra Philippe Daverio, assessore alla Cultura, indossando un naso rosso di plastica da clown; ci dice: “Vedo che siete sprovvisti di naso, oggi non si può” e ci porge nasi come il suo, da indossare per scendere in piazza, tra la folla che festeggiava…

Negli anni successivi ci siamo sentiti alcune volte, per questioni varie; fino al mese di novembre del 2016, quando lo invitammo a fare parte del comitato scientifico istituito per accompagnare la candidatura di Bergamo (e delle altre città italiane, croate e montenegrine) quale sito Unesco delle Opere di difesa veneziane. Il 30 novembre il comitato si insediò e Daverio ebbe a dire che, più importante del successo era la candidatura; come a dire che più importante del raggiungimento della meta è il viaggio…

Il 10 luglio 2017, il giorno dopo il nostro successo dell’iscrizione del sito seriale e transnazionale nella Lista dell’Unesco, a Cracovia, Philippe Daverio si complimentò pubblicamente con la nostra città e dichiarò di essere orgoglioso di avere contribuito, oltre che al viaggio, al raggiungimento della meta.

Della vastissima e poliedrica cultura di Philippe Daverio non devo certo dirne io; ma del ricordo, oggi sinceramente addolorato, del suo vivacissimo spirito dell’umorismo (tipico, questo sì, delle persone colte ed intelligenti) e della sua curiosità per le cose, specie di quelle della nostra Terra, posso dirne, perché ne ho avuto diretta e fortunata esperienza.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico settembre 2020
Il ricordo
Il mondo ha perso lo sguardo ostinatamente anticonformista di Philippe Daverio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI