Dalla BCE via libera a Bper per acquisire da Intesa le 532 filiali di Ubi - BergamoNews
Credito

Dalla BCE via libera a Bper per acquisire da Intesa le 532 filiali di Ubi

BPER Banca ha ricevuto l’autorizzazione della BCE all’acquisizione del ramo d’azienda dal Gruppo Intesa Sanpaolo

BPER Banca Spa comunica di avere ricevuto, mercoledì 2 settembre, l’autorizzazione della Banca Centrale Europea all’acquisizione dal Gruppo Intesa Sanpaolo del ramo d’azienda costituito da 532 filiali e dai connessi rapporti giuridici, di cui all’accordo comunicato al mercato in data 17 febbraio 2020 come successivamente integrato.

leggi anche
  • Decreto rilancio
    Intesa Sanpaolo: offerta superbonus, ecobonus e altri bonus edilizi
    Perico Costruzioni
  • L'operazione
    Intesa-Ubi, Messina: “Incorporazione in 6-9 mesi, da Bergamo tanti apprezzamenti”
    CARLO MESSINA
  • Dopo l'ops
    Intesa-Ubi, l’appello dei sindacati: “Vanno tutelati occupazione ed economia locale”
    banca intesa
  • Risultati definitivi
    Opas Intesa su Ubi: adesioni al 91%; entro il 19 agosto il pagamento in contanti
    Intesa Sanpaolo
  • L'appello
    La Fabi scrive a Intesa: “La forza di Ubi sono i suoi 20mila dipendenti”
    banca intesa
  • Nella notte
    Accordo su lavoratori Ubi in Intesa: 5.000 uscite volontarie, 2.500 assunzioni
    banca intesa ubi banca
  • L'integrazione
    Intesa-Ubi: zero commissioni sui prelievi di contanti agli sportelli delle due banche
    Bancomat (Foto di Eduardo Soares on Unsplash)
  • L'operazione
    Intesa Sanpaolo cede a Bper 486 filiali e 134 sportelli di Ubi Banca
    Generico settembre 2020
  • Il riconoscimento
    Bper Banca sul podio dei Private Banking Awards 2020
    Generico dicembre 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it