BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuova passerella sul Serio, ci siamo: “Opera attesa da anni per la sicurezza di pedoni e ciclisti” foto

Salvo condizioni metereologiche avverse, il varo della passerella è previsto nel weekend tra venerdì 11 e domenica 13 settembre

Salvo condizioni metereologiche avverse, il varo della passerella ciclopedonale sul fiume Serio che mette in collegamento i Comuni di Scanzorosciate, Gorle e Pedrengo è previsto nel weekend tra venerdì 11 e domenica 13 settembre. Così è stato deciso dai rappresentanti dei tre Comuni interessati dall’opera, che si sono riuniti lo scorso 26 agosto in una Conferenza dei Servizi indetta dal Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca, alla quale erano presenti anche i rappresentanti dei Comuni limitrofi, di Atb e dell’azienda esecutrice dei lavori “Cividini Ing. e Co. S.r.l.” di Dalmine.

PasserellaI lavori in corso a Scanzorosciate

Durante questi tre giorni (venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 settembre), il Ponte Marzio (cosiddetto ponte di Gorle) sarà chiuso ad ogni tipo di veicolo e sarà vietato anche l’attraversamento pedonale.

La nuova passerella ciclopedonale è lunga 55 metri, ad un’unica campata, con un manufatto ad alta tecnologia e realizzato prevalentemente in un materiale ad elevata resistenza nel tempo (l’acciaio trattato “corten”) e dopo il suo varo sarà per alcuni mesi monitorata per eseguire i collaudi previsti dalla normativa vigente. Solo dopo i collaudi la passerella sarà accessibile a pedoni e ciclisti.

“Nei giorni di chiusura ci saranno dei disagi per raggiungere i Comuni della zona – spiegano i sindaci di Gorle Giovanni Testa, di Scanzorosciate Davide Casati e di Pedrengo Simona D’Alba – ma gli accessi alla parte est dell’hinterland della nostra provincia saranno garantiti tramite Seriate e Villa di Serio utilizzando le strade provinciali. Chiediamo ai cittadini di portare pazienza, nella consapevolezza che quest’opera, attesa da decenni, consentirà a pedoni e ciclisti di transitare in sicurezza da una sponda all’altra del fiume, senza rischiare ogni volta di essere travolti dai veicoli in transito sullo stretto ponte esistente”.

I rendering dell'opera
Passerella ciclopedonale sul fiume Serio

Passerella ciclopedonale sul fiume Serio

“L’auspicio- aggiungono i sindaci – è che dopo questo intervento Provincia e Regione mettano le risorse per risolvere il problema del traffico automobilistico con la nuova strada di penetrazione da est e la realizzazione di un nuovo ponte a sud dell’attuale”.

Il progetto della nuova passerella ciclopedonale sul Serio è stato curato dagli ingegneri Giovanni Zappa, Franco Melocchi e dall’archistar Attilio Gobbi, mentre la direzione lavori è stata affidata all’Ingegnere Roberto Testa e la coordinazione della sicurezza all’ingegnere Andrea Testa. Collaudatore è l’Ingegnere Marchetti.

L’opera è finanziata dai tre Comuni, dal Bim (Bacino Imbrifero Montano dei Fiumi Brembo e Serio) con un contributo della Provincia di Bergamo e con la partecipazione del Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca, quale stazione appaltante dei lavori e responsabile delle attività di cantiere.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da suardieffe

    Domanda: ma anziché buttare via un milione di euro per realizzare questa passerella – che è indubbiamente utile a pedoni e ciclisti – si fosse investito nel realizzare subito un nuovo ponte per decongestionare il traffico? Che il Ponte Marzio sia stretto e inadatto per la mole di traffico lo si sa da svariati decenni ma nessuno ha avuto il coraggio di realizzare un nuovo ponte della misura adatta per via dei residenti del quartiere Baio di Gorle che non vogliono quest’opera..

  2. Scritto da Francesco Giuseppe

    Soldi sprecati!!! Nessun ciclista la userà mai, come tutte le altre piste ciclabili, specie da quelli in tutina attillata, per mostrare gli attributi, che si credono grandi atleti anche a 90 anni, con bici da 10.000 €.