Lazzarini, candidato a Valleve: "La sfida, far ripartire gli impianti a San Simone" - BergamoNews
Verso il voto

Lazzarini, candidato a Valleve: “La sfida, far ripartire gli impianti a San Simone”

Per decenni alla guida di Camerata Cornello, si presenta alla guida della lista 'Uniti per Valleve': "In paese c'è rassegnazione, vogliamo invertire la rotta"

Quello di Gianfranco Lazzarini, in Valle Brembana, non è un nome qualunque. Per decenni sindaco di Camerata Cornello, ha deciso di candidarsi a Valleve, 130 abitanti, paese commissariato dalla primavera 2018 dopo le vicende giudiziarie legate a Brembo Ski – la vecchia società degli impianti sciistici – che hanno visto condannato l’ex primo cittadino Santo Cattaneo, a giudizio anche per un altro caso: quello delle acque intossicate della frazione Cambrembo.

Lazzarini, una situazione non facile. Cosa l’ha spinta a candidarsi e da dove intende partire?

In paese in pochi hanno speranza o fiducia nel futuro, c’è rassegnazione. Pensano ad esempio che non si riuscirà a far ripartire gli impianti sciistici, che per loro sono tutto, mentre i debiti del Comune, al 31 dicembre 2019, superano il milione di euro. Io mi metto in gioco, senza interessi personali, per invertire la rotta. È una scommessa che sono certo vincerò. Per fare la lista ho dovuto stimolare l’orgoglio delle persone, parlare delle responsabilità che hanno verso sé stessi.

Ecco, gli impianti. Il vostro obiettivo è quello di far ripartire il comparto di San Simone. Una sfida che, almeno oggi, parte in salita.

L’impegno che ci vogliamo prendere è questo. La risorsa principale di Valleve è il turismo, sia invernale che estivo. Con la riapertura degli impianti sciistici, il paese riacquisterà potenziale. Con la proprietà degli impianti, invece, sarà raggiunto un accordo di reciproco interesse.

Se si parla di turismo, non si può non parlare di strade. Anche in questo senso, c’è parecchio da fare…

La viabilità di accesso, sul tratto Branzi-Valleve, necessità di urgenti interventi di allargamento della sede stradale. Occorre redigere un progetto di intervento, suscitare adesioni e individuare modalità di finanziamento in raccordo con gli enti superiori, Provincia in primis.

Al di là di questi temi, quali sono gli altri impegni che vi sentite di prendere nei confronti dei cittadini di Valleve?

Ce ne sono diversi. Dal promuovere azioni a favore delle realtà economiche imprenditoriali, turistiche, commerciali e zootecniche, al valorizzare le iniziative culturali e sostenere le forme di assistenza alle categorie sociali più deboli. Sarà importante cercare di rivitalizzare i borghi e le frazioni del paese, completando anche gli interventi di risparmio energetico sugli impianti di illuminazione pubblica. E creare un rapporto costante con i giovani, la Pro Loco e tutte le associazioni di volontariato.

‘Uniti per Valleve’

Candidato sindaco: Gianfranco Lazzarini
Consiglieri: Silvia Baldini, Letizia Franca Berera, Mauro Berera, Ermanno Cattaneo, Marco Cattaneo, Stefano Locatelli, Damiano Midali.

leggi anche
  • 20 e 21 settembre
    Tutti i candidati e le liste dei 13 Comuni bergamaschi chiamati al voto
    Generico
  • Verso il voto
    Mezzoldo, Siviero: “Avanti col lavoro di Balicco”, l’ex sindaco morto di Covid
    Siviero Mezzoldo
  • Verso il voto
    Lo strano caso di Oneta, 580 abitanti e quattro liste: ecco i candidati
    municipio di Oneta
  • Amministrative
    Colere, Mezzoldo e Valleve, una sola lista, quorum obbligatorio: già raggiunto
    elezioni amministrative comunali
  • Alta valle brembana
    Valleve, Lazzarini è il nuovo sindaco: “Ci attende un lavoro durissimo”
    Valleve
  • Amministrative 2020
    Il nuovo Consiglio: gli eletti a Valleve
    Valleve
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it