Quantcast
Rientro a scuola tra gel e termometro: "Quant'è dura rispettare le distanze tra compagni" - BergamoNews
Bergamo

Rientro a scuola tra gel e termometro: “Quant’è dura rispettare le distanze tra compagni” fotogallery video

Al Sant'Alessandro corsi di recupero per 80 ragazzi: "Quarantasei famiglie colpite da lutti durante il Covid, deve esserci grande senso di responsabilità"

Primo giorno di scuola per un’ottantina di ragazzi del Sant’Alessandro a Bergamo, dal primo all’11 settembre alle prese con i corsi di recupero. Per loro, i professori, i dirigenti e il personale scolastico dell’istituto del centro città, una sorta di prova generale in vista del rientro a metà settembre, quando i circa 420 studenti del liceo e i 70 del collegio vescovile torneranno a riempire le aule.

A quel punto, interrogazioni e compiti in classe non saranno le sole preoccupazioni. Un buon voto sarà fondamentale anche in condotta, quella inerente il rispetto delle norme anti-contagio. “Rispettare il distanziamento sarà la cosa più difficile, soprattutto con i compagni che si conoscono da tempo” è la convinzione di Marco, 16 anni, che frequenta la terza del liceo scientifico quadriennale. Gli fa eco Isabel, di un anno più grande: “Ci stiamo approcciando bene a tutti questi cambiamenti, ma noi adolescenti siamo animali sociali. Stare a debita distanza dai compagni non sarà automatico”.

Lo sanno bene anche i professori. “Abbiamo grande considerazione dei nostri studenti – spiega la dirigente scolastica Anna Gabbiadini -. Il nostro compito non sarà tanto quello di richiamarli ossessivamente al rispetto delle regole, quanto di fargliene comprendere il senso”. Un richiamo alla responsabilità, dunque. “Dentro e fuori dall’istituzione scolastica – aggiunge la preside -. Il contenimento del contagio nelle scuole dipenderà anche dei comportamenti che si avranno all’esterno. Ecco perché dovremo spingere i nostri ragazzi a pensare come cittadini, non solo come alunni”.

In totale sono 46 i lutti che hanno colpito le famiglie degli studenti e i docenti del Sant’Alessandro durante i mesi più bui dell’emergenza. Segno, ancora una volta, di quanto il virus abbiamo corso forte in provincia di Bergamo.

Il rientro a scuola dei ragazzi al Sant'Alessandro
La preside Anna Gabbiadini con il termometro digitale

In questi giorni gli studenti impegnati nei corsi di recupero hanno ricevuto online le indicazioni contenenti orari delle lezione, aule da frequentare (alcune appositamente allargate per favorire il distanziamento) e docente di riferimento. All’ingresso viene provata loro la temperatura, mentre ad ogni piano è presente una scorta di gel igienizzante. Le lezioni durano 45 minuti, come quelle a distanza: al termine di ognuna, il docente ha l’obbligo di sanificare cattedra e sedia; mentre il personale scolastico dovrà riservare lo stesso trattamento ai banchi e alle sedie degli alunni. In caso di contagio è prevista la quarantena di tutta la classe, che potrà continuare a seguire il programma con la didattica a distanza.

Primo giorno anche al nido e scuola dell’infanzia Opera Sant’Alessandro Bambin Gesù in via Polidoro Caldara, che ospita all’incirca 70 bambini fino a 6 anni. La preside, Emilia Denti, ci ha spiegato le linee guida per minimizzare il rischio di contagio.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
scuola covid
Il messaggio
Scuola, lettera della ministra Azzolina: “So che c’è preoccupazione, ma siamo pronti”
gabanelli scuola
Aspettando la campanella
“Scuola e distanziamento sono un ossimoro, ma qui tutto è pronto e ce la faremo”
scuola covid
La novità
Banchi monoposto a scuola: la consegna parte venerdì da Alzano e Nembro
test pungidito
Dati ats
Scuola: 6000 docenti e non prenotati per il “pungidito” a Bergamo e in provincia
Loredana Poli
L'assessore poli
“Scuole pronte, ma mancano i docenti”. Appello al personale: “Fate il sierologico”
Generico settembre 2020
La riflessione
Bronzieri: “Alla scuola serve una rivoluzione pedagogica, impariamo dalla Montessori”
Crisanti mascherine
Scuola
Crisanti: “Un errore mascherine non obbligatorie se seduti al banco”
Scuola Fiaccadori
L'intervento
Scuola e salute, il tempo dell’alleanza
Matilde Adele Tura
La riflessione
“Scuola e Covid, servono tamponi a tappeto per tutti gli studenti”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI