BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gazzaniga, sfida nel centrodestra: Fratelli d’Italia contro il dominio Lega-Forza Italia

L'uscente Mattia Merelli sfidato da Filiberto Rosa: la sinistra non si presenta, ma l'avversario diventa chi avrebbe potuto far parte della coalizione.

Quando tutto lasciava pensare a una corsa solitaria e alla battaglia contro il quorum, a Gazzaniga è spuntata una seconda lista: un sentore che già da inizio anno serpeggiava in paese ma che è diventato realtà solo a fine agosto.

La sorpresa, però, è che la corsa verso la fascia tricolore sarà tutta interna al centrodestra: da un lato l’amministrazione uscente di Mattia Merelli, con quel patto Lega-Forza Italia che a Gazzaniga trionfa dal 1993, e dall’altro Fratelli d’Italia in appoggio alla neonata lista civica “Gazzaniga si rinnova”, che fa capo a Filiberto Rosa.

Non si è iscritta alla competizione elettorale, invece, l’attuale minoranza di centrosinistra “Insieme per Gazzaniga”, a quanto pare per mancanza di candidati.

La notizia della seconda lista è stata accolta con favore dall’amministrazione uscente: “La competizione fa sempre bene, è alla base della democrazia e quindi ben venga – commenta Merelli – Non nascondo che non mi aspettavo che ci fosse un altro schieramento di centrodestra. Eravamo pronti a combattere il quorum, mentre ora saremo costretti, in caso di vittoria, a rinunciare a quattro candidati consiglieri che ritengo molto validi”.

Sulle ragioni della sfida interna, il sindaco uscente ha una spiegazione semplice: “Quando hanno manifestato l’interesse a far parte del nostro gruppo noi avevamo già chiuso la squadra: fossero arrivati prima avremmo potuto dare vita a una coalizione”.

Nella costruzione della lista, Merelli ha puntato tutto sull’equilibrio. Sei uomini e sei donne, sei della vecchia guardia e sei volti nuovi, con il principio della territorialità a guidare le scelte: “Tutto il territorio gazzanighese è rappresentato – spiega – Masserini, Orezzo, Rova e il centro. Ovviamente abbiamo anche creato un bel mix di competenze”.

Una squadra che gli amministratori avevano già praticamente completato a febbraio, prima che la pandemia e il lockdown si abbattessero sulla Val Seriana: “Siamo abituati a programmare e a portarci avanti – conferma il sindaco – Ma da quel momento in poi abbiamo abbandonato completamente l’idea elezioni, perché le priorità erano altre. Il Covid ci ha insegnato a essere sempre dinamici e pronti, anche a cambiare idea e invertire la rotta. Ha anche stravolto la campagna elettorale, praticamente inesistente e tutta concentrata in questi ultimi giorni”.

Un evento imprevedibile che ha cambiato anche le priorità del nuovo programma elettorale, ancora più orientato al sociale: “Ciò su cui ci concentreremo è la grande attenzione alle famiglie, con la vicinanza soprattutto alle fasce più deboli come anziani, disabili e bambini, senza dimenticare gli adolescenti. Anche l’ambiente è una nostra priorità. Se invece parliamo di opere pubbliche credo che serva una seria riflessione sull’adeguamento antisismico delle nostre scuole. Non dimentichiamo il commercio, con agevolazioni per l’apertura di nuove attività, e la sicurezza, tema sul quale abbiamo investito recentemente 80mila euro per l’installazione di telecamere. Infine la cultura, con un maggior coordinamento con le attività della biblioteca e delle varie associazioni”.

C’è anche l’intenzione, però, di portare a termine qualcosa che non è stato possibile fare nei cinque anni scorsi: “Parliamo dell’ex dopo lavoro, edificio stile Liberty abbandonato ormai da decenni – conclude Merelli – Recentemente abbiamo però ricevuto un finanziamento dalla Regione di 500mila euro che ci consentirà di procedere senza timori di bilancio che ci avevano frenato”.

Avversario del sindaco uscente sarà Filiberto Rosa, che sulla presenza di una seconda lista di centrodestra conferma la versione di Merelli: “L’amministrazione a inizio anno aveva già fatto le sue scelte sulla base dei due partiti già in coalizione. Poi io e altri del gruppo ci siamo sentiti più rappresentati da Giorgia Meloni, altri ancora non condividevano del tutto l’operato dell’amministrazione uscente e così è nato ‘Gazzaniga si rinnova’”.

La nascita della lista viene dalla precisa volontà di Fratelli d’Italia a essere presente alla competizione elettorale 2020 in provincia di Bergamo: “Insieme al coordinatore provinciale Zucchinali e a quello della Valle Seriana Schiavi abbiamo individuato altre persone interessate e che riconoscessero in Giorgia Meloni un politico molto serio, affidabile e coerente. La scelta è ricaduta su persone residenti a Gazzaniga e altre residenti nei paesi limitrofi, culturalmente preparate ad aderire al nostro programma. Nessuno ha esperienza politica, ma riteniamo sufficiente il nostro impegno di persone con volontà di ascolto delle problematiche dei gazzanighesi e di fungere da sentinelle che porteranno le stesse in seno al Consiglio Comunale”.

Tra le priorità del programma, al primo posto Rosa piazza la sicurezza: “Oggi le gente, considerata la situazione di emergenza prima di tutto economica, ha bisogno di sentirsi sicura. Consideriamo prioritario il ruolo della Polizia municipale che, oltre a ottemperare ai doveri amministrativi e giudiziari, ha principalmente il compito di polizia stradale. Per questo riteniamo più efficiente la figura del vigile comunale, a gestione diretta del Comune, piuttosto che la gestione consorziata. Per compensare la loro assenza durante le ore notturne, vogliamo istituire i VOT, volontari osservatori del territorio, che possono avvisare le forze dell’ordine in caso di violazione della legge accertata”.

Alla prima esperienza politica, inoltre, il gruppo “Gazzaniga si rinnova” ha dovuto fare i conti anche con l’influenza della pandemia sulla propria attività e sulla stesura del programma elettorale: “Ha sicuramente evidenziato le problematiche sociali, sanitarie ed economiche. Sulla campagna, invece, non ha influito molto perché abbiamo programmato i nostri incontri indipendentemente da essa. Anzi, l’emergenza c’è ma non la riteniamo così grave come il Governo vuol far credere. Un punto del programma è proprio l’aspetto sociale che riguarda principalmente le famiglie, prima e dopo la pandemia. Riteniamo molto importante la figura dell’assistente sociale, non come burocrate, ma che sappia intervenire nelle situazioni di fragilità per giovani, adulti e anziani (vedi pratiche per assistenza domiciliare e inserimento in casa di riposo San Giuseppe). Per gli anziani autosufficienti pensiamo anche a una casa-albergo, per le famiglie numerose un bonus per l’acquisto di libri e abbonamenti per il trasporto, discriminando bene chi avrà diritto a beneficiarne”.

Idee chiare anche su un’opera da realizzare a Gazzaniga in caso di successo alle urne: “Ci piacerebbe individuare una zona in cui creare un’area verde, un polmone per il paese considerato che è stato costruito senza privilegiare aree di questo tipo o commerciali ma solo abitazioni”.

Elezioni amministrative 2020 – Tutti i candidati a Gazzaniga

Lega Nord Salvini Lombardia – Forza Italia Berlusconi
Candidato a sindaco: MATTIA MERELLI
Consiglieri: Alberto Ongaro, Angelo Merici, Marco Masserini, Carrara Pamela, Marcello Gusmini, Emanuela Ghilardini, Urbano Brignoli, Arianna David, Gabriella Gusmini, Luciano Oliva, Adriana Peracchi, Michela Pollace.

Fratelli d’Italia Giorgia Meloni- Gazzaniga si rinnova
Candidato a sindaco: FILIBERTO ROSA
Consiglieri: Giancarlo Maffeis, Roberta Chiesa, Giuseppe Radaelli, Luca Lacavalla, Mariacristina Biava, Mariavirginia Manzoni, Tarcisio Assolari, Iris Paganessi, Ivonne Valsecchi e Augusta Anesa.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.