Quantcast
“Scuola e distanziamento sono un ossimoro, ma qui tutto è pronto e ce la faremo” - BergamoNews
Aspettando la campanella

“Scuola e distanziamento sono un ossimoro, ma qui tutto è pronto e ce la faremo”

Il ritrovarsi con i colleghi, le colleghe e il personale è stato piacevole, ma gli sguardi, sopra le mascherine, oltre al sollievo di rivederci, tradivano l’angoscia per quello che è stato e la preoccupazione per quello che sarà.

Abbiamo ripreso le attività scolastiche preliminari all’inizio dell’anno (esami integrativi, di idoneità, ecc.).

Nell’avvicinarmi alla scuola sentivo un po’ di ansia, non ci ritornavo dal 22 febbraio; nel piazzale mi ha colpito il silenzio, così strano e irreale, i candidati aspettavano il loro turno, opportunamente distanziati e silenziosi.

Il ritrovarsi con i colleghi, le colleghe e il personale è stato piacevole, ma gli sguardi, sopra le mascherine, oltre al sollievo di rivederci, tradivano l’angoscia per quello che è stato e la preoccupazione per quello che sarà. All’interno della scuola tutto è pronto per l’inizio, grazie anche al lavoro incessante di questi mesi del dirigente e dei suoi collaboratori.

Banchi e cattedre distanziati, queste ultime protette con il plexiglas, strisce per terra a delimitare gli spazi, faremo un doppio intervallo, didattica alternata, ingressi e uscite scaglionati, per evitare assembramenti.

Certo, penso a quanto innaturale sia tutto questo, scuola e distanziamento sono un ossimoro. Ma ce la faremo, sono fiduciosa: in tutti questi anni la scuola e gli insegnanti, checché se ne dica e se ne pensi, hanno dimostrato flessibilità, impegno ed inventiva anche, a riempire i vuoti di riforme lacunose.

La decisione di chiudere le scuole è stata giusta, opportuna e doverosa, per la tutela della salute pubblica.

La riapertura mette in luce le carenze strutturali, la mancanza di aule, di spazi e di risorse, che non si possono imputare a questo governo (dal quale alcuni si aspettano la bacchetta magica), ma dobbiamo ripartire.

Ci sono lavoratori che hanno continuato a lavorare per tutto il periodo della pandemia, possiamo farlo anche noi, pretendendo l’adozione di tutte le misure di sicurezza e garantendole, per quanto ci compete.

In fondo, l’apertura delle scuole manda un segnale di speranza.

* Insegnante all’Iis Rigoni Stern Agrario Bergamo

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
simonetta
Aspettando settembre
L’inquietudine dei docenti: esasperazione di un malessere che precede il virus
Generico agosto 2020
Il campione
Beppe Signori: “La mia Alzano in ginocchio per il Covid, riparte con la scuola”
scuola covid
La novità
Banchi monoposto a scuola: la consegna parte venerdì da Alzano e Nembro
gallone scuola
La senatrice bergamasca
Scuola, Gallone (FI) al Governo: “Si faccia chiarezza sugli appalti”
scuola
Bergamo
Rientro a scuola tra gel e termometro: “Quant’è dura rispettare le distanze tra compagni”
Il rientro a scuola dei ragazzi al Sant'Alessandro
La lettera
Scuola, appello dei rappresentanti dei genitori a Mattarella: “Sia ripresa vera, in sicurezza”
Loredana Poli
L'assessore poli
“Scuole pronte, ma mancano i docenti”. Appello al personale: “Fate il sierologico”
Generico settembre 2020
La riflessione
Bronzieri: “Alla scuola serve una rivoluzione pedagogica, impariamo dalla Montessori”
Crisanti mascherine
Scuola
Crisanti: “Un errore mascherine non obbligatorie se seduti al banco”
Scuola Fiaccadori
L'intervento
Scuola e salute, il tempo dell’alleanza
Matilde Adele Tura
La riflessione
“Scuola e Covid, servono tamponi a tappeto per tutti gli studenti”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI