Quantcast
Mascherine con motti fascisti al mercato di Serina: l'ambulante non le venderà più - BergamoNews
Il caso

Mascherine con motti fascisti al mercato di Serina: l’ambulante non le venderà più

Del caso si è subito occupata la Digos di Bergamo che ha riscontrato la sua totale estraneità ad ambienti politicizzati.

Ha creato un acceso dibattito e la ferma condanna dell’Anpi la presenza al mercato di Serina di alcune mascherine anti-Covid con simboli e motti fascisti.

Il fatto risale a mercoledì mattina e il presidente di Anpi Bergamo Mauro Magistrati aveva sottolineado duramente: “Sfruttare l’emergenza sanitaria Covid-19 per fabbricare e vendere dispositivi di protezione individuale con evidenti contenuti di propaganda fascista è qualcosa di disgustoso, oltre che illegale”.

Sul caso si sono subito mossi gli agenti della Digos di Bergamo, che sono riusciti a risalire all’ambulante responsabile del banchetto, residente nella Bassa bergamasca.

Su di lui sono scattate le verifiche del caso, con accertamenti approfonditi: l’uomo è stato convocato in Questura, dove è emersa la sua assoluta estraneità ad ambienti politicizzati.

La finalità della sua iniziativa, dunque, era prettamente commerciale e in via Noli non sono mai arrivate altre segnalazioni simili sul suo conto.

Il fatto che, comunque, ci fosse materiale richiamante il Ventennio fascista ha spinto gli agenti a definire esattamente i confini di una situazione considerata “borderline” e gli atti verranno tutti trasmessi all’autorità giudiziaria che dovrà valutare e decidere se ci sono gli estremi per la contestazione di reato.

Sentito dal personale della Digos di Bergamo, l’ambulante ha assicurato che non metterà più in vendita il materiale contestato.

leggi anche
MIGRANTI
Valle brembana
Botta di Sedrina, Lega all’attacco: “Oltre 700 firme per chiudere centro accoglienza”
lettera arcuri mascherine
La denuncia
“Nelle scuole bergamasche mascherine scadute”; Arcuri: “La data è sbagliata”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it