BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mascherine con motti fascisti al mercato di Serina: l’ambulante non le venderà più

Del caso si è subito occupata la Digos di Bergamo che ha riscontrato la sua totale estraneità ad ambienti politicizzati.

Più informazioni su

Ha creato un acceso dibattito e la ferma condanna dell’Anpi la presenza al mercato di Serina di alcune mascherine anti-Covid con simboli e motti fascisti.

Il fatto risale a mercoledì mattina e il presidente di Anpi Bergamo Mauro Magistrati aveva sottolineado duramente: “Sfruttare l’emergenza sanitaria Covid-19 per fabbricare e vendere dispositivi di protezione individuale con evidenti contenuti di propaganda fascista è qualcosa di disgustoso, oltre che illegale”.

Sul caso si sono subito mossi gli agenti della Digos di Bergamo, che sono riusciti a risalire all’ambulante responsabile del banchetto, residente nella Bassa bergamasca.

Su di lui sono scattate le verifiche del caso, con accertamenti approfonditi: l’uomo è stato convocato in Questura, dove è emersa la sua assoluta estraneità ad ambienti politicizzati.

La finalità della sua iniziativa, dunque, era prettamente commerciale e in via Noli non sono mai arrivate altre segnalazioni simili sul suo conto.

Il fatto che, comunque, ci fosse materiale richiamante il Ventennio fascista ha spinto gli agenti a definire esattamente i confini di una situazione considerata “borderline” e gli atti verranno tutti trasmessi all’autorità giudiziaria che dovrà valutare e decidere se ci sono gli estremi per la contestazione di reato.

Sentito dal personale della Digos di Bergamo, l’ambulante ha assicurato che non metterà più in vendita il materiale contestato.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.