Il caso

Serina, al mercato comunale mascherine anti-Covid con scritte fasciste fotogallery

La denuncia arriva da Anpi Bergamo. Al mercato comunale di Serina, mercoledì mattina, un banchetto che mascherine anti-Covid con le frasi di Benito Mussolini.

È mercoledì mattina quando a Serina, in Val Brembana, si predispongono i banchetti del mercato comunale. Un mercato importante perché è tempo di villeggianti che animano l’economia estiva della Val Serina.

C’è un banchetto che vende mascherine anti-Covid. Alcune riportano delle griffe, Gilera, Honda, Kawasaki, Puma… e poi in bella mostra eccone alcune con le frasi di Benito Mussolini, il fascio littorio o la fiamma tricolore con la scritta “Boia chi molla”.

“Italiani si nasce, non si diventa”, “Credere, obbedire, combattere” e ancora “Meglio vivere un giorno la leone che 100 da pecora”.

La denuncia arriva da Anpi Bergamo.

“Sfruttare l’emergenza sanitaria Covid-19 per fabbricare e vendere dispositivi di protezione individuale con evidenti contenuti di propaganda fascista è qualcosa di disgustoso, oltre che illegale – afferma Mauro Magistrati, presidente di Anpi Bergamo -. L’apologia di fascismo è un reato e tale deve essere considerato. Ci auguriamo che le autorità preposte vigilino perché sui mercati comunali delle nostre vallate, luoghi di incontro e di socialità pur in momenti difficili come questo, siano denunciate e perseguite azioni come questa che calpestano la nostra Costituzione e infangano la memoria della Resistenza partigiana”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Luna Park della Celadina
Bergamo
Luna Park a Celadina, in vista dell’apertura sopralluogo per la sicurezza anti Covid
perotti bergamo est
La nomina
Gabriele Mario Perotti è il nuovo direttore sanitario dell’Asst Bergamo Est
Zanetti
Sabato 29 agosto
La Zanetti riparte dalla Supercoppa: subito sfida da dentro o fuori con Chieri
Ambulanza nostra
Il dramma
Martinengo, malore fatale in ascensore: muore a 47 anni
Tamponi fiera
La lettera
La Cisl: “Perché mai i tamponi per chi rientra non li esegue il pubblico?”
potatura
Bergamo
Da viale Pirovano a via Statuto, potature e manutenzioni per le piante: lavori per 150mila euro
MIGRANTI
Valle brembana
Botta di Sedrina, Lega all’attacco: “Oltre 700 firme per chiudere centro accoglienza”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI