BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Crescita del 25% e nuovi progetti di filati tecnologici e innovativi per Tecnofilati

Gli anni di ricerca messa in piedi dall'azienda hanno dato vita al brand Resistex, che ha saputo distinguersi attraverso la specializzazione e la realizzazione di un’intera gamma di filati tecnologici utilizzando materiali quali ad esempio il rame, l'argento o il carbonio (e prossimamente anche il grafene), in grado di soddisfare le esigenze sempre più trasversali dei diversi mercati di riferimento.

Una crescita pari al 25%, 6 milioni di fatturato, 20 dipendenti che lavorano tra il laboratorio di ricerca e la produzione dei filati, e lo sviluppo di nuovi progetti di tecnologia applicata ai filati: Tecnofilati, realtà italiana del settore tessile che produce filati tecnologici per diversi settori tra cui medical, chemical, fashion, military, wellness e sport, continua a crescere.

“Quest’anno festeggiamo i primi 25 anni dell’azienda con la consapevolezza che in futuro l’innovazione giocherà un ruolo sempre più centrale anche nel settore tessile – spiega Andrea Abati, titolare di Tecnofilati -. Tecnofilati vuole continuare ad essere, in Italia come all’estero, capofila delle principali soluzioni che verranno prodotte per migliorare e garantire sempre più benessere all’uomo partendo proprio dai filati che utilizza quotidianamente”.

L’azienda è nata nel 1995 e, fin da subito, è stata la sorella hi-tech di ABAFIL, storica impresa nata negli anni Settanta specializzata nella lavorazione dei filati discontinui e prima company della holding Abati Group.

“Tecnofilati è diventata fin dai primi anni della sua nascita il motore di Abati Group, un’azienda che continua a mettersi costantemente alla prova con ricerche continue nel campo della tecnologia applicata ai filati, con l’obiettivo di poter dare un concreto supporto al settore tessile” conclude Abati.

I tessuti di Tecnofilati tra ricerca e innovazione costante (affiancando anche le più importanti università internazionali)

Punto di riferimento per quanto riguarda la produzione di tessuti tecnici, Tecnofilati da oltre 25 anni porta avanti una continua azione di ricerca e sviluppo volta a un’innovazione costante dei suoi prodotti. Un lavoro che svolge anche affiancando le più importanti università internazionali, con le quali svolge diversi test ed esperimenti per far evolvere l’intero settore tessile. Gli anni di ricerca messa in piedi dall’azienda hanno dato vita al brand Resistex, che ha saputo distinguersi attraverso la specializzazione e la realizzazione di un’intera gamma di filati tecnologici, in grado di soddisfare le esigenze sempre più trasversali dei diversi mercati di riferimento.

Generico agosto 2020

È così che nascono tecnofilati come il Copper, un filato ad alto contenuto tecnologico ottenuto dall’unione di fibre naturali o artificiali con rame puro, utilizzato soprattutto per la sua ottima termo-conduzione, per l’azione antibatterica e per le sue proprietà benefiche per il corpo umano quali quelle antiossidanti. Viene infatti utilizzato per l’abbigliamento sportivo o militare, e per la produzione di lenzuola o tendaggi.

Generico agosto 2020

Il Silver invece, come indica il nome, è uno speciale filato ottenuto dall’argento noto fin dall’antichità per le sue proprietà curative. Frutto di diverse ricerche, portate avanti anche con Università e Istituti di Ricerca internazionali, il tecnofilato Resistex Silver nasce dalla lavorazione di fibre naturali come il cotone, oppure sintetiche, come le microfibre di nylon o polipropilene, con uno strato di circa 0,5 micron di argento puro al 99,9%. Il risultato è un filato che oggi viene utilizzato soprattutto nel campo medico data la sua efficace azione anti batterica.

Capace di proteggere in modo incisivo dai raggi UVA e UVB e soprattutto dalle elevate proprietà di coibenza termica, il Bioceramic è un altro dei tecnofilati sviluppati dall’azienda tessile. Si tratta di una fibra in poliestere legata a cristalli bio-ceramici partendo dalla lavorazione di quattro minerali quali biossido di titanio, biossido di silicio, ossido di alluminio, biossido di zinco. Il risultato è un tecnofilato in grado di assorbire e riflettere il calore del corpo umano, permettendo una forma avanzata di foto-trattamento.

Generico agosto 2020

L’ultimo della famiglia Resistex è il Carbon, un filato ottenuto dall’unione di fibre tessili con un filamento continuo di materiale conduttivo a base di carbonio attivo pensato per migliorare le performance sportive. Merito delle proprietà delle fibre che alleviano la fatica e aumentano l’energia. Sono tre infatti i benefici tangibili ottenuti dall’uso di un simile tecnofilato: riduzione del fabbisogno di ossigeno, riduzione dei battiti cardiaci e dell’acido lattico.

Generico agosto 2020

L’emergenza Covid-19 e la riconversione della produzione: la risposta di Tecnofilati

Data anche la sede dell’azienda (Bergamo), uno degli epicentri della recente crisi sanitaria causata dal Coronavirus, Tecnofilati ha deciso negli scorsi mesi di convertire la filiera produttiva in tempi record, una settimana, per supportare attivamente le imprese locali e nazionali ancora attive producendo fino a 10mila mascherine in Resistex Carbon al giorno.

Una parte della produzione è stata inoltre donata ai comuni di Solza, Medolago, Calusco D’Adda, Bergamo, alla Fondazione Honegger RSA di Albino e alla Casa di Riposo Pio Olmo di Osio Sotto.

Il Grafene tra gli sviluppi futuri dell’azienda

Diversi sono i progetti in cantiere, tra cui il prossimo lancio di un nuovo tecnofilato, il Grafene, presentato in occasione dell’ultima edizione di ISPO la fiera dello sport di Monaco in Germania.

Tecnofilati

Tecnofilati fa parte della holding Abati Group, un gruppo tessile, che crea e lavora filati innovativi e abbigliamento per diversi settori come medicale, chimico, painting, home living, fashion, militare, wellness e sport. Con più di 40 anni di storia, 40 dipendenti e un centinaio di collaboratori, Abati Group ha un fatturato complessivo di 10 milioni di euro l’anno.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.