Ricoverato in ospedale dopo il bagno nell’Adda, è morto il 48enne di Calusco - BergamoNews
A fara

Ricoverato in ospedale dopo il bagno nell’Adda, è morto il 48enne di Calusco

L’uomo si era tuffato domenica e non era più riemersi, trascinato dalla corrente

Troppo gravi le sue condizioni: Mohammed Abid Allah, 48 anni, abitante a Calusco d’Adda e originario del Marocco, è morto in ospedale a Bergamo dove era stato portato dopo il bagno nell’Adda, domenica, in cerca di refrigerio.

L’uomo era arrivato sulle sponde del fiume, a Fara Gera d’Adda, domenica pomeriggio, con la moglie e un gruppo di amici: aveva fatto un bagno (in una zona in cui è vietata la balneazione proprio perché la sua pericolosità) e non era poi riemerso, trascinato a fondo dalla corrente.

L’allarme, l’arrivo dei sommozzatori di Treviglio, il recupero in condizioni disperate, il tentativo di rianimarlo, il trasporto in ospedale, si sono succeduti frenetici. Poi, lunedì mattina Mohammed Abid Allah ha cessato di respirare.

Grande dolore nella comunità marocchina ben integrata di Calusco.

 

Più informazioni
leggi anche
  • Fara gera d’adda
    Si tuffa nell’Adda e viene inghiottito dal fiume, 48enne tratto in salvo e trasportato in ospedale
  • Giovedì pomeriggio
    Si tuffa nell’Adda e non riemerge: morto annegato un 21enne di Arcene
  • I funerali
    L’ultimo saluto ad Angelo, il papà morto nell’Adda per salvare la figlia
  • Trezzo
    Nel Parco dell’Adda si inaugura il Muva, Museo del naturalista
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it