Un bando da 170mila euro per le attività economiche, contributi a fondo perduto fino a 2500 - BergamoNews
Palafrizzoni

Un bando da 170mila euro per le attività economiche, contributi a fondo perduto fino a 2500

Sarà pubblicato sul sito del Comune di Bergamo dal 10 settembre

Costruire la ripartenza e adattarsi ai nuovi scenari: si aggiunge un tassello alle strategie di sostegno delle imprese e delle attività economiche della città. Sul sito del Comune di Bergamo sarà infatti pubblicato il prossimo 10 settembre un bando di Regione Lombardia (per un valore di 170mila euro complessivi, nell’ambito del progetto Distretti del Commercio) per favorire la ripartenza delle attività economiche, i servizi a utenti e visitatori e l’avvio di nuove attività nel “Distretto Urbano del Commercio di Bergamo”, avendo particolare attenzione alla necessità, da un lato, di garantire diversi e più alti standard di sicurezza e protezione dei lavoratori e dei consumatori, dall’altro, di adottare modalità alternative di organizzazione delle vendite (anche attraverso strumenti innovativi e digitali) che tengano conto del mutato contesto in cui le imprese si troveranno a operare.

Le domande in possesso dei requisiti di ammissibilità formale sono finanziate in ordine cronologico di ricezione, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria. L’aiuto è concesso come agevolazione a fondo perduto, a fronte di un budget di spesa liberamente composto da spese in conto capitale e spese di parte corrente. Il contributo previsto, per le domande ammissibili, sarà pari al 50% della spesa ammissibile totale al netto di IVA, sino ad un massimo complessivo per ciascun operatore pari a 2.500 euro.

È possibile consultare l’avviso pubblico per la concessione dei contributi a fondo perduto sul sito del Comune di Bergamo, all’indirizzo https://www.comune.bergamo.it/node/232646. La presentazione delle domande sarà in via telematica dalle 12 del 10 settembre alle 12 del 15 ottobre: in questa fascia temporale verrà attivata la procedura online.

Per informazioni relative al bando e agli adempimenti scrivere una mail al servizio assistenza al seguente indirizzo: bandoducbergamo@gmail.com

“Si tratta di una misura certamente utile – commenta il Presidente del Distretto Urbano del Commercio, Nicola Viscardi – che si aggiunge a quanto sta già facendo il Comune con CESVI e Intesa Sanpaolo con il Programma Rinascimento, al lavoro che stiamo facendo con le associazioni di categorie Ascom e Confesercenti. Mi aspetto, però, uno sforzo sempre maggiore da parte di Regione Lombardia: le trasformazioni in corso nel mondo del commercio sono sempre più rapide e complesse, se si vuol continuare a puntare sul contenitore dei distretti del commercio è necessario investire in modo più significativo e costante”.

leggi anche
  • Dal comune
    Progetto Rinascimento: prorogati ed estesi bandi per micro e piccole imprese di Bergamo
    Bergamo riparte dopo il lockdown
  • I fondi
    Bergamo e la Fase2 del bando ‘Rinascimento’: 22 milioni alle aziende per superare l’emergenza
    palafrizzoni
  • Il bando
    Rinascimento Bergamo, ecco i primi 3 milioni per le micro-imprese della città
    Bergamo
  • I fondi
    Intesa Sanpaolo, 30milioni per le micro-imprese e il “Rinascimento” di Bergamo
    Bergamo
  • I dati della regione
    Covid in Lombardia: 110 contagi e 16 a Bergamo, seconda provincia dopo Milano
    Dati Regione
  • Dal 26 agosto
    Inps, anticipo del pagamento delle pensioni di settembre
    pensione
  • 20 e 21 settembre
    Tutti i candidati e le liste dei 13 Comuni bergamaschi chiamati al voto
    Generico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it