Dossena, l'auto elettrica del car sharing col vetro sfondato: l'amarezza del sindaco - BergamoNews
Valle brembana

Dossena, l’auto elettrica del car sharing col vetro sfondato: l’amarezza del sindaco

Fabio Bonzi: "Il rispetto delle cose comuni è la base per una comunità civile... colui o coloro che l'hanno danneggiata così, non conosco questo principio"

“Il rispetto delle cose comuni è la base per una comunità civile… colui o coloro che hanno danneggiato l’auto elettrica così, non conosco questo principio”.

Uno sfogo conciso ma efficace quello del sindaco di Dossena, Fabio Bonzi, che sui social ha pubblicato l’immagine del mezzo con il vetro completamente sfondato.

Da qualche settimana, l’amministrazione del piccolo paese di montagna ha introdotto un modello di car sharing che prevede l’utilizzo condiviso di un veicolo elettrico di ultima generazione tra amministrazione comunale e cittadinanza.

All’amarezza del sindaco di Dossena si unisce lo sdegno del presidente della Comunità Montana Valle Brembana, Jonathan Lobati, che ha così commentato: “Proprio dei cretini”.

leggi anche
  • Bergamo
    Dopo furti e atti vandalici ecco le telecamere: riapre la chiesa di Sant’Andrea
  • La denuncia
    Costa Volpino, vandali al campo sportivo dell’oratorio di Corti
  • La denuncia
    Vandalizzato il nuovo treno Caravaggio
  • Tra valbrembo e paladina
    Vandali decapitano la Madonnina: “Gesto ignobile e senza senso”
  • Urgnano
    Schiacciato da un albero Alex muore a 35 anni: lascia moglie e figlio di 4 anni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it