BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta al mercato parla russo: Miranchuk l’obiettivo come vice Ilicic

Per il talento della Lokomotiv Mosca da superare la concorrenza del Milan. In arrivo il terzino destro Vojvoda dallo Standard. Hateboer in partenza, Gosens resterebbe

Trattative bollenti al calciomercato. Meno di una settimana fa l’Atalanta ha detto addio, anzi arrivederci, a testa molto alta alla Champions, ma non c’è tempo da perdere per costruire la nuova squadra: il 31 agosto, quando i nerazzurri si ritroveranno, Gasperini vorrà avere già un gruppo definito. E qualche faccia nuova si vedrà già nei prossimi giorni.

Intanto, per la prima volta nella storia, l’Atalanta potrebbe avere un calciatore russo, 32 anni dopo l’affare Belanov (Pallone d’oro nel 1986, dal 1991 ucraino) poi sfumato e allora arrivò non certo un ripiego, Paulinho Evair. Stavolta potrebbe essere l’occasione buona con Aleksei Miranchuk, 24 anni, centrocampista offensivo-trequartista della Lokomotiv Mosca che nel campionato russo ha segnato il gol decisivo (1-0) anche a Ferragosto, contro il Krasnodar.

Potrebbe essere l’ideale vice Ilicic: mancino, un giocatore capace di regalare assist e fare gol. La cosa curiosa è che nella sua stessa squadra gioca (un po’ meno di lui) il gemello Anton, anche se i due sono per caratteristiche tecniche diversi, Anton è destro. Da superare la concorrenza del Milan, che ai russi avrebbe offerto Laxalt e milioni, ma l’Atalanta sembra meglio piazzata nella trattativa.

Un difetto di Aleksei? Pare che manchi un po’ di cattiveria. Nel caso, ci penserà Gasperini a fargliela venire.

Molto caldo è il fronte degli esterni, settore chiave da sempre per il gioco di Gasperini, visto che Hateboer a un giornale olandese avrebbe dichiarato: “Il mio ciclo all’Atalanta è terminato, giusto andare via”. Tutto sta a vedere se le voci di un interessamento di Juve e Napoli sono vere. L’olandese (due gol all’andata contro il Valencia, nessuno in campionato) ha un contratto fino al 2023 e certo il presidente Percassi, che ha confermato in blocco o quasi i Gaspboys, non svenderà l’esterno destro. O se dovesse capitare perché Hans non vuole più restare (e a quel punto, inutile tenerlo) sarebbe ancora più blindato Gosens, che piace a Juve e Lipsia. Ma Robin dovrebbe rimanere a Bergamo e come lui anche Castagne, sempre prezioso e utile sia sulla fascia destra che a sinistra. L’esterno belga sarebbe stato richiesto dal Psg, che però aspetta la fine della Champions e in seconda battuta dal Leicester.

In uscita anche il tedesco Czyborra, che andrebbe al Cagliari da Di Francesco per 6 milioni.

Tra gli esterni invece in arrivo Mergim Vojvoda, 25 anni, terzino destro dello Standard Liegi, il campionato belga da cui sono arrivati anche Castagne e Malinovskyi.

Un po’ complicata la nazionalità di Vojvoda, kosovaro con cittadinanza albanese (ha giocato anche nell’Albania) e passaporto tedesco, cresciuto in Belgio.

Resta calda la pista Florenzi, rientrato alla Roma per fine prestito dopo una stagione tormentata (anche per infortuni) al Valencia. Alessandro, 29 anni, romano, terzino destro della Nazionale, interesserebbe anche alla Juve. E qui la trattativa si incrocia con l’Atalanta, perché la società bianconera potrebbe girare alla Roma Cristian Romero, che rientra dal Genoa. Romero ha solo 22 anni, piace all’Atalanta e potrebbe essere il difensore veloce che va a completare il reparto arretrato. L’argentino è indubbiamente forte tecnicamente ma un po’ irruento, visto che lo conosciamo anche per gli interventi rudi su de Roon in un Genoa-Atalanta e più recentemente sul veronese-atalantino Pessina. Insomma, meglio avere Romero dalla propria parte e non contro…

Se passiamo poi al fronte dei sogni, cioè di quei giocatori che costano molto e piacciono anche alle big, ecco allora Jeremie Boga, 22 anni talento del Sassuolo richiesto anche dal Napoli. Ha qualche anno in più (32) Taison, che ha appena perso nella semifinale di Europa League contro l’Inter, ma il brasiliano dello Shakhtar non è semplice da raggiungere.

Qualche possibilità in più per il francese Florian Thauvin, 27 anni mancino, ala destra-trequartista del Marsiglia, che però arriva da un lungo infortunio alla caviglia. Anche per lui si parla di un possibile inserimento di Milan e Napoli.

È  circolato anche il nome del turco Omur, talento ventunenne, capitano del Trabzonspor: la società turca però non lo cederebbe per meno di 25 milioni… Mentre non sembra esserci spazio per un ritorno a Bergamo di Jack Bonaventura, 31 anni il prossimo 22 agosto, 135 partite e 24 gol nell’Atalanta. Jack dopo aver lasciato il Milan ha sposato dieci giorni fa Federica Ziliani, bergamasca, laureata in medicina e specializzanda in medicina dello sport. L’ingaggio elevato (2 milioni) sembra tenerlo lontano da Bergamo, mentre lo vorrebbero Pippo Inzaghi a Benevento e anche Juric a Verona.

Negli incroci di trattative con la Juve ci sta il portiere Perin, che potrebbe arrivare all’Atalanta visto l’infortunio di Gollini, anche se Sportiello quando è stato chiamato in causa ha risposto bene.

Infine, mentre proseguono a marce forzate i lavori allo stadio (il 7 e l’8 settembre sopralluogo Uefa per la licenza Champions) a breve la società deciderà per il ritiro: se cioè per una settimana si tornerà a Clusone o se la preparazione verrà svolta solo a Zingonia, in vista del prossimo campionato che partirà il 19 settembre.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.