Denunciato

San Pellegrino, AmStaff azzanna cagnolino e padrona: il marito lo uccide a coltellate

Temendo per la vita del proprio Jack Russel e per l'incolumità di sua moglie, l'uomo non ha trovato soluzione migliore. Denunce da entrambe le parti

Temendo per la vita del proprio cagnolino e per l’incolumità di sua moglie, un uomo ha ucciso a coltellate un American Staffordshire Terrier. È successo nel pomeriggio di martedì 11 agosto a San Pellegrino Terme.

Una donna che abita in via Galizzi era uscita di casa con il proprio Jack Russel, libero e senza guinzaglio, per una passeggiata. Poco dopo è arrivato un AmStaff, un animale simile a un Pit Bull, razza dalla quale deriva, al guinzaglio di una ragazza di 20 anni.

Il cagnolino si sarebbe avvicinato a quest’ultimo, che lo ha azzannato e ha ferito la sua padrona mentre stava cercando di salvarlo.

La 38enne, non sapendo cosa fare, ha chiesto aiuto al marito, che è intervenuto con un grosso coltello e non ha trovato soluzione migliore che ferire a morte l’American Staffordshire Terrier.

L’animale è rimasto a terra sull’asfalto, in una grossa pozza di sangue, tra la disperazione della proprietaria in lacrime.

Questa la ricostruzione dei carabinieri del comando di Zogno, competenti per territorio. La due donne coinvolte hanno presentato le rispettive denunce, la ragazza nei confronti dell’uomo per uccisione di animali, e la 38enne, che ha riportato ferite considerate guaribili in una decina di giorni, per le lesioni e il ferimento del proprio Jack Russel.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI