Quantcast
Quando il pesce è ottimo e costa il giusto: "Il Foghero" a Misano Gera d'Adda - BergamoNews
A cura di

Senza prenotazione

Senza prenotazione

Quando il pesce è ottimo e costa il giusto: “Il Foghero” a Misano Gera d’Adda

La trattoria dei fratelli Tognolo convince col suo pescato cucinato a regola d'arte: porzioni (fin troppo) abbondanti e straordinario rapporto qualità-prezzo

Il Foghero a Misano Gera d’Adda è una di quelle trattorie un po’ nascoste, difficili da scovare. Uno di quei locali che scopri quasi esclusivamente grazie al passaparola. Eppure è in attività da quasi 30 anni, da quando nel 1991 i fratelli Mauro e Massimo Tognolo hanno deciso di dar libero sfogo al loro amore per la cucina di pesce e di proporla in aperta campagna, nel cuore della Bassa bergamasca al confine col cremasco.

Trovare l’ingresso non è così semplice, ma una volta arrivati al portone d’entrata del Foghero la serata sarà tutta in discesa.

Merito della cucina raffinata dei due fratelli Tognolo, che hanno saputo creare un vero e proprio tempio del buon pesce senza azzardi e senza inutili volteggi. La loro cucina è facile e immediata, ma non per questo banale e scontata: il menù cambia stagionalmente e i piatti sono sempre originalissimi, seppur semplici.

Il Foghero
L'ingresso del Foghero

Qualcosa nel servizio andrebbe rivisto (ci sono posate che cadono un po’ troppo spesso ai camerieri), ma del resto nulla può essere perfetto.

Il punto esclamativo di questo locale è certamente il conto: i primi non vanno mai oltre i 18 euro; i secondi si fermano sotto a un tetto di 15 euro. Il tutto a fronte di porzioni quasi troppo abbondanti per essere vere (in alcuni casi, addirittura, anche un filo esagerate…), tanto che è la stessa cameriera che cura il nostro tavolo a consigliarci di ordinare gli eventuali secondi solo dopo aver consumato antipasti e primi.

Abbondanza, però, che al Foghero fa anche rima con qualità.

Il Foghero
L'antipasto caldo del Foghero
Il Foghero
Il polipo alla Catalana

Se finite in questo locale iniziate assolutamente la cena con l’antipasto di pesce del Foghero, una zuppa al pomodoro con calamari, vongole, cozze, polipetti e gamberi servita con crostini di pane tostato. Attenzione a non esagerare col pane, però, che rischia di intasarvi impedendovi di assaggiare altro. E, qui, sarebbe un vero peccato.

Molto buono anche il polipo alla Catalana con cipolla rossa di Tropea, rucola e pomodorini: il polipo si scioglie letteralmente in bocca.

Il Foghero
La calamarata
Il Foghero
I bauletti ripieni di astice

Tra i primi c’è un piatto che non attira tanto leggendolo in carta, ma che invece, alla fine, vince e convince: è la calamarata con totanetti e melanzane (fritte). Un connubio terra-mare che si sposa alla perfezione, reso ancor più perfetto dalla cottura al dente della pasta.

Promossi a pieni voti anche i bauletti ripieni di astice conditi con leggera crema al basilico. Delicati e al tempo stesso saporiti.

Anche con i secondi si viaggia molto bene: la spigola al forno con patate dorate e carciofi trifolati è un altro piatto davvero ben fatto, mentre il tonno spadellato con pistacchi (servito con un buonissimo tortino di patate) è solo un filo troppo asciutto all’esterno.

Il Foghero
La spigola al forno
Il Foghero
Il tonno spadellato con pistacchi
Il Foghero
Il frittino di Chioggia

E poi c’è il frittino di Chioggia di calamaretti e gamberi, goloso, poco unto e non eccessivamente pesante.

Anche sui dessert i fratelli Tognolo possono dire la loro. Lo conferma la crème brulée gratinata con frutta fresca.

Il Foghero
La crème brulée

In conclusione. C’è poco da aggiungere: Il Foghero è davvero un ottimo ristorante, perfetto per una cena romantica ma anche per una rimpatriata tra buone forchette. Un’oasi felicissima per gli amanti del buon pesce nonostante l’aperta campagna. Ha anche qualche difetto (l’ambiente interno potrebbe essere migliorato così come il servizio, e le porzioni sono a volte davvero esagerate), ma questo è uno di quei locali che ci sentiamo di consigliarvi senza remora.

IL FOGHERO
Misano Gera d’Adda, via Roma, 6 – 24040
Tel. 0363 848389
Prezzo medio: 35 euro a persona
Chiuso il lunedì

 

Questa recensione non è frutto di una cena-stampa e il giornalista non ha ricevuto favori, regali o servizi in cambio del proprio giudizio. Non si è palesato né prima né dopo il pasto, rispettando rigorosamente la legge dell’incognito, unica vera tutela del lettore.
“Senza prenotazione” non vuole essere solo un omaggio al grande Anthony Bourdain, ma anche una guida sincera e onesta per chi cerca un posto in cui mangiare a Bergamo e provincia.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Ol Giopì e la Margì
Senza prenotazione
Casoncelli, polenta e non solo: “Ol Giopì e la Margì” ha sempre il suo perché
Tre noci
Senza prenotazione
“Tre noci” a Spirano, il tempio della carne convince anche dopo mezzo secolo
Ol-fa
Senza prenotazione
“Ol-fà” a Osio Sotto, dove il cocktail di gamberi è ancora di moda
Locanda Viola
Senza prenotazione
“Locanda Viola” a Pagazzano, una squisita novità nel cuore della Bassa
Bù Cheese Bar
Senza prenotazione
“Bù Cheese Bar”: un progetto attraente che potrebbe volare più alto
Osteria del Camelì
Senza prenotazione
“Osteria dei Camelì” ad Ambivere: promossa, ma serve una rinfrescata
Trattoria Brosetti
Senza prenotazione
Originale, divertente, autentica: che bella sorpresa la “Trattoria Brosetti”
Japo Restaurant
Senza prenotazione a domicilio
“Japo” a Treviglio: qualche lievissima pecca per un sushi creativo e allettante
Nasturzio
Senza prenotazione
Bello, buono e concreto: il “Nasturzio” ad Albino è sempre più una certezza
La Scagna
Senza prenotazione
“La scagna” a Bergamo, una trattoria onesta e tradizionale che sa di territorio
Retrobottega
Senza prenotazione
Polpo, pittule e pasticciotti: tutto parla salentino al “Retrobottega” di Treviglio
Le Orbe di Astino
Senza prenotazione
“Le Orbe di Astino” a Bergamo: elegante, raffinato e delicato. A volte troppo
pesce di lago clarabella
Sebino
La rivincita del pesce di lago e della trota: campagna social per valorizzarlo
museo parco adda muva
Trezzo
Nel Parco dell’Adda si inaugura il Muva, Museo del naturalista
Osteria Scotti
Senza prenotazione
“Osteria Scotti” a Paladina: una villa del ‘600, cornice perfetta a un ristorante impeccabile
Osteria Tre Gobbi
Senza prenotazione
“Osteria Tre Gobbi” a Bergamo, quando la cucina è moderna e concreta
Enoristorante La Tana
Senza prenotazione a domicilio
Scarpinocc e oselì scapàcc: ci ha convinti il delivery dell’enoristorante “La Tana” di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI