Quantcast
La scuola (e non solo) verso la ripartenza: con tante incognite - BergamoNews
A bordo campo

La scuola (e non solo) verso la ripartenza: con tante incognite

Avviamo una serie di articoli in cui ospiteremo interviste con il punto di vista di docenti e personalità del mondo della scuola, che fra poco ripartirà (?) dopo un anno scolastico (2019-20) del tutto imprevisto. E con quello nuovo, che si avvicina, con molte incognite.

In Italia gli studenti nelle scuole pubbliche sono 7 milioni distribuiti in 40 mila sedi scolastiche; nelle paritarie 900 mila dentro 15 mila istituti.

Le cifre dicono che durante il confinamento decretato a marzo sono stati 1.6 milioni gli studenti rimasti tagliati fuori dall’insegnamento, perché non avevano la materia prima, cioè il computer o l’accesso a internet e 300 mila disabili sono rimasti a loro volta esclusi.

Alla vigilia del nuovo anno scolastico, con tutte le incognite che si addensano sullo stesso a dipendenza dell’evoluzione della “covid-19”, da settimane si sbandiera che 8 milioni di studenti potranno ritornare tra i banchi speciali che nel frattempo sono stati ordinati (ma non si sa se si riuscirà a provvedere al bisogno complessivo, dato il tempo limitato) e che tra distanziamento, mascherine (saranno obbligatorie o meno in classe? Ancora non è dato a sapere), igiene complessiva, non sussisterà pericolo di contagio.

Viva l’ottimismo! Forse un po’ di prudenza non guasterebbe.

Si è provveduto a colmare anche il vuoto determinato dalla moltiplicazione delle classi, perché gli spazi di sicurezza nelle aule lo esigono: saranno assunti 84 mila insegnanti. E anche questo ostacolo sarebbe superato.

Magari, già che ci siamo, sarebbe il caso di procedere anche alla messa in sicurezza – prima di qualsiasi altro intervento – degli edifici scolastici, visti i crolli che ogni anno avvengono. È dalla notte dei tempi che si proclama questa esigenza come priorità assoluta, Matteo Renzi poi ne fece un cartello con cui girò l’Italia, assicurando cantieri di massa. Quasi tutto è rimasto nelle buone intenzioni.

Intanto, considerando l’emergenza e la necessità assoluta di reperire con urgenza alti spazi, dalle ex-caserme ai teatri, ai saloni pubblici, si pensa di ristrutturare questi 3 mila luoghi che si troveranno – se si troveranno – investendo patrimoni. Anche nella scuola, come con il lavoro e la socialità si procede a tamponi. Nei piani di questo anomalo modo di procedere, si è sentito ipotizzare pure – una volta ancora – la chiusura delle paritarie, quando neppure si sa come accasare la popolazione della scuola pubblica. A

d elaborare d’intesa con il governo queste e altre piattaforme, che rasentano talora il surreale, c’è un Comitato detto sussiegosamente tecnico scientifico, che Mattia Feltri in un suo “Buongiorno” su La Stampa ha definito con meritato sarcasmo “simposio di accademici” (nelle sue autorevolissime, alte indicazioni, tale Comitato ci ha insegnato addirittura come lavarci i denti, preferibilmente con dentifricio e spazzolino. La famosa casalinga di Voghera oggi meriterebbe una cattedra universitaria con il suo buon senso).

Forse, senza irritare troppo lor signori, sarebbe il caso di informare che con i doppi turni a scuola, ci saranno decine di migliaia di mamme che non potranno tornare al lavoro, sempre ammesso che l’abbiano potuto mantenere. Conclusione dantesca scontata: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta”, con quel che segue.

—-
A questo proposito, avviamo dunque una serie di articoli in cui ospiteremo interviste con il punto di vista di docenti e personalità del mondo della scuola, che fra poco ripartirà (?) dopo un anno scolastico (2019-20) del tutto imprevisto. E con quello nuovo, che si avvicina, con molte incognite.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
scuola
L'allarme
Scuola, per la Cisl protocollo ok: “Ma a Bergamo mancano 30mila banchi e sedie”
Asilo nido Levate
Spazi, accessi, organico
Ripresa della scuola: le linee guida per nidi e materne
asilo nido
La decisione
Nidi e scuola materne, l’amministrazione di Treviolo rimborserà le rette di marzo
Professore
Emergenza
Scuola: a Bergamo 2008 cattedre vacanti, di cui 639 per il sostegno
Sarpi
I dubbi
I presidi di Bergamo sulla riapertura delle scuole: “Tra cantieri e tanta confusione su tutto”
gallone scuola
La senatrice bergamasca
Scuola, Gallone (FI) al Governo: “Si faccia chiarezza sugli appalti”
simonetta
Aspettando settembre
L’inquietudine dei docenti: esasperazione di un malessere che precede il virus
studi scuola rinuncia studente
A bordo campo
Si torna sui banchi, tra dubbi e paure: “La comunità scolastica non può diventare virtuale”
Emmanuela Monego
A bordo campo
E la nave va… la scuola è ripartita tra incertezze e inquietudini
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI