BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La tromba di Enrico Rava nella magica atmosfera del Lazzaretto

L'ex direttore artistico di Bergamo Jazz Festival torna a Bergamo dopo due anni con la Special Edition, formazione varata da lui stesso lo scorso anno per celebrare i suoi 80 anni

Musicista di fama mondiale, da Trieste a New York il suono della sua tromba lo ha reso uno dei trobmettisti jazz più apprezzati di sempre, Enrico Rava, 81 anni, é il grande nome del secondo appuntamento di Bergamo Jazz, festival organizzato dalla Fondazione Teatro Donizetti.

Il concerto, in programma mercoledì 19 agosto, alle 21, é parte del calendario di Lazzaretto On Stage, rassegna di teatro e musica promossa dall’assessorato della Cultura di Bergamo.

Rava, direttore artistico di Bergamo Jazz Festival dal 2012 al 2015, torna a Bergamo dopo due anni – ancora si ricorda il celebre concerto del 2018 in cui condivise il palcoscenico del Creberg Teatro con Paolo Fresu, Dave Douglas e Uri Caine – su invito di Maria Pia De Vito, attuale direttrice del festival.

La fama dell’artista e il suo legame con Bergamo non fanno che accrescere l’attesa per questo concerto. Sul palco del Lazzaretto Rava porterà con sé la Special Edition, formazione varata da lui stesso lo scorso anno per celebrare i suoi 80 anni. Del gruppo fanno parte alcuni dei musicisti che negli ultimi anni gli sono stati artisticamente più vicini: Francesco Bearzatti al sax tenore, Francesco Diodati alla chitarra, Giovanni Guidi al pianoforte, Gabriele Evangelista al contrabbasso ed Enrico Morello alla batteria.

Il ritorno di Rava sarà un momento di gioia per tutti e di commemorazione di due figure importanti per il jazz a Bergamo. La serata sarà infatti dedicata a Mario Guidi, collaboratore di Bergamo Jazz scomparso nel dicembre 2019, e a Vittorio Scotti, presidente del Jazz Club Bergamo mancato nei giorni scorsi.

La Special Edition guidata da Enrico Rava sarà introdotta dal trio InSight del clarinettista Francesco Chiapperini, uno dei gruppi che in marzo avrebbero dovuto partecipare alla sezione del Festival “Scintille di Jazz” curata da Tino Tracanna. Chiapperini, nato a Bari e residente a Milano, si è diplomato in clarinetto all’Istituto Civico Gaetano Donizetti. Con lui sul palco ci saranno anche Simone Quatrana al pianoforte e piano elettrico e Simone Lobina alla chitarra

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.