Il bonus di 600 euro anche al consigliere regionale della Lega Alex Galizzi - BergamoNews
Secondo bergamasco

Il bonus di 600 euro anche al consigliere regionale della Lega Alex Galizzi

È vicepresidente della Commissione antimafia a Palazzo Lombardia

Un altro politico di Bergamo ha ammesso di aver chiesto e ricevuto i 600 euro di bonus, la misura creata per sostenere chi ha avuto effetti economici negativi a causa della pandemia da Covid. Dopo il sindaco di Treviglio, Juri Imeri, un altro esponente della Lega esce allo scoperto: si tratta del consigliere regionale Alex Galizzi, che è anche vice presidente della commissione antimafia a Palazzo Lombardia.

Galizzi, classe 1976, brembano doc, dal 1999 è titolare e amministratore della Brembo Informatica che ha sede a Camerata Cornello.

Intanto è stato reso pubblico il nome del terzo deputato (e ultimo, pare) che ha percepito i 600 euro: si tratta del genovese Marco Rizzone, del Movimento 5 Stelle che annuncia il deferimento ai probiviri, la richiesta di sospensione immediata e massima severità nella sanzione.

Ricordiamo che i primi due parlamentari sono Andrea Dara ed Elena Murelli che sono stati sospesi dal loro partito, la Lega.

leggi anche
  • Lombardia
    Commissione Antimafia in Regione: indagine sul traffico di droghe psicotrope
  • La richiesta
    “La Prefettura sospenda i contratti con le coop finite nell’inchiesta dell’accoglienza”
  • Il voto
    Brembo Ski: sì del Consiglio regionale al salvataggio urgente della stagione
  • San pellegrino
    La Lega a Violi: “Viabilità preferibile al Casinò? Non si lavora a compartimenti stagni”
  • Partite iva
    Il bonus da 600 euro anche al sindaco di Treviglio, Juri Imeri
  • Il caso
    Bonus 600 euro al consigliere Galizzi, la Lega annuncia: “Anche lui sarà sospeso”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it