Bonus 600 euro al consigliere Galizzi, la Lega annuncia: "Anche lui sarà sospeso" - BergamoNews
Il caso

Bonus 600 euro al consigliere Galizzi, la Lega annuncia: “Anche lui sarà sospeso”

Il segretario della Lega Lombarda Salvini Premier, Paolo Grimoldi: "Ci atteniamo a quello che decide Matteo Salvini"

“Ci atteniamo a quello che decide Matteo Salvini per i casi già emersi nelle altre Regioni: chi ha percepito il bonus sarà sospeso”. È questa la linea indicata dal segretario della Lega Lombarda Salvini Premier, Paolo Grimoldi, interpellato dall’ANSA in merito al caso del consigliere regionale lombardo del Carroccio Alex Galizzi, bergamasco, che ha ammesso di aver percepito il bonus Inps da 600 euro.

Galizzi, classe 1976 e brembano doc, aveva ammesso di aver chiesto e ricevuto i 600 euro di bonus, la misura creata per sostenere chi ha avuto effetti economici negativi a causa della pandemia da Covid.

Il consigliere, che è anche vice presidente della commissione antimafia a Palazzo Lombardia, è il secondo esponente bergamasco del Carroccio dopo il sindaco di Treviglio, Juri Imeri.

Galizzi dal 1999 è titolare e amministratore della Brembo Informatica che ha sede a Camerata Cornello.

Nel frattempo è stato reso pubblico il nome del terzo deputato (e ultimo, pare) che ha percepito i 600 euro: si tratta del genovese Marco Rizzone, del Movimento 5 Stelle, che annuncia il deferimento ai probiviri, la richiesta di sospensione immediata e massima severità nella sanzione.

I primi due parlamentari sono Andrea Dara ed Elena Murelli: anche loro sono stati sospesi dal proprio partito, la Lega.

leggi anche
  • Secondo bergamasco
    Il bonus di 600 euro anche al consigliere regionale della Lega Alex Galizzi
    alex galizzi
  • Il caso
    Bonus di 600 euro a Imeri, la difesa della Lega: “Giù le mani dai sindaci”
    Generico agosto 2020
  • Partite iva
    Il bonus da 600 euro anche al sindaco di Treviglio, Juri Imeri
    Juri Imeri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it