Quantcast
Schianto dell’aereo Mooney a Orio, morirono padre e figlia: pm chiede l'archiviazione - BergamoNews
Le indagini

Schianto dell’aereo Mooney a Orio, morirono padre e figlia: pm chiede l’archiviazione fotogallery

Per la procura è impossibile stabilire le cause che il 21 settembre dello scorso anno provocarono l'incidente in cui morirono Stefano e Marzia Mecca, di soli 15 anni

È impossibile stabilire con certezza le cause che il 21 settembre dello scorso anno provocarono lo schianto del Mooney Mk20 D-Eise a Orio al Serio con la morte di Marzia Mecca, 15 anni, e una settimana più tardi anche di suo padre Stefano, 51, che era alla guida del mezzo. Lo ha stabilito il pubblico ministero Silvia Marchina che ha coordinato le indagini sul caso e nelle settimane scorse ha presentato al Gip la richiesta di archiviazione del fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti.

Non sono bastati i lunghi mesi di complessi accertamenti iniziati fin da subito, quel maledetto sabato mattina. Mecca, commercialista di Gazzaniga conosciuto anche come collaboratore della procura e pilota piuttosto esperto, era partito con il suo piccolo aereo da Bergamo in direzione di Venezia. Con lui le tre figlie, oltre a Marzia anche la gemella Silvia e Chiara di 18 anni.

leggi anche
Aereo caduto stefano mecca
Il retroscena
Fallimento Jd Service: 5 arresti grazie a Mecca, morto nello schianto del suo aereo

È il primo giorno di autunno, ma il clima è ideale per volare. La gioia e l’emozione sempre le stesse, ma ogni volta come nuove. Poco dopo il decollo però il mezzo, un Mooney M20K D-Eise di fabbricazione tedesca, inizia ad avere problemi.

Mecca, socio storico dell’Areo Club Bergamo di cui ne è vice presidente, se ne rende subito conto. Anche se non è facile, cerca di mantenere la calma e di rassicurare le figlie. Poi decide di tornare indietro. Arrivato sopra Bergamo tenta di atterrare sulla pista dell’Areo Club che conosce bene, ma qualcosa va storto.

Il mezzo prende velocità e poco dopo le 10 si schianta nei pressi dell’Asse interurbano, vicino alla rotonda che porta alla Fiera di via Lunga, per fortuna senza coinvolgere veicoli in transito. Dopo l’impatto al suolo il Mooney prende fuoco. Padre e due figlie riescono a uscire grazie all’intervento di due uomini di passaggio in auto, Francesco Defendi e Angelo Pessina, mentre Marzia rimane intrappolata tra le fiamme e muore. Una settimana più tardi, a causa delle gravi ustioni, perde la vita anche il padre Stefano.

leggi anche
Piper caduto
Il presidente della repubblica
“Coraggio e altruismo”: Mattarella premia i due eroi dell’aereo precipitato

La procura nomina come consulente per la perizia tecnica l’ingegnere Alberto Forchini, docente al Politecnico di Milano. Vengono visionati i filmati che hanno registrato i momenti dello schianto e si analizza il motore, l’unica parte del velivolo che si è salvata nell’incendio.

Gli inquirenti non tralasciano nessuna pista, da quella di un possibile guasto al Mooney a quella del carburante non idoneo, fino a problemi legati alla manutenzione del mezzo e all’errore umano. Ma gli accertamenti non hanno portato a nulla e nelle settimane scorse il magistrato ha presentato al Gip la richiesta di archiviazione del fascicolo aperto contro ignoti per omicidio colposo.

In particolare, non è stato possibile affermare se l’incidente vada ricondotto a un’anomalia o malfunzionamento del velivolo, oppure un errore umano. A ogni modo, essendo deceduto il pilota, anche in presenza di una sua condotta colposa penalmente rilevante, il procedimento risulterebbe estinto per la morte.

Inoltre, se il motivo di Mecca di rientrare fosse stato legato a una problematica del motore, la gravità e l’importanza di un’avaria lo avrebbero indotto a chiedere l’atterraggio di emergenza. Ma il tono e la voce non denotavano nervosismo e apprensione, come si è potuto appurare dalle registrazioni delle chiamate.

L’unico elemento di anomalia riscontrato dal consulente tecnico in occasione dell’esame del relitto, è stata la posizione dei flaps, gli organi mobili connessi alle ali, che al momento dell’impatto al suolo erano completamente estesi, laddove invece per una corretta manovra avrebbero dovuto essere retratti.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
chiara stefano mecca aereo caduto piper mooney
Le indagini
Aereo precipitato, accertamenti sul motore: “In volo papà aveva sentito un rumore”
chiara stefano mecca aereo caduto piper mooney
Il retroscena
Aereo caduto, morti padre e figlia: la sorella Chiara volava per la seconda volta
Aereo caduto stefano mecca
L'ultimo saluto
Aereo caduto a Orio, mercoledì a Fiorano i funerali di Stefano Mecca
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI