Scuola, per la Cisl protocollo ok: "Ma a Bergamo mancano 30mila banchi e sedie" - BergamoNews
L'allarme

Scuola, per la Cisl protocollo ok: “Ma a Bergamo mancano 30mila banchi e sedie”

Il sindacato giudica positivamente l'intesa per l'avvio in sicurezza dell'anno scolastico, ma la categoria bergamasca teme per gli arredi mancanti nelle scuole.

Giovedì mattina è stato firmato dal Ministero dell’Istruzione e dalle organizzazioni sindacali il Protocollo per l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza: dall’help desk alle modalità di ingresso e uscita, dall’igienizzazione degli spazi all’impegno politico per il superamento delle “classi pollaio”, con l’intenzione di avviare un iter normativo per un tetto massimo sul numero di alunni nelle classi.

Il documento offre regole alle istituzioni scolastiche ed ha l’obiettivo di essere anche un punto di riferimento per studenti e famiglie.

Un accordo “storico”, per le sigle sindacali: “Questo è il primo modello partecipativo assunto al ministero dell’Istruzione e avrà i suoi riverberi su una platea vasta di lavoratori e utenti – hanno commentato Annamaria Furlan e Maddalena Gissi, segretarie generali rispettivamente di Cisl e Cisl Scuola -. Restiamo in attesa di vedere se il ministero manterrà quanto abbiamo firmato. Le difficoltà per la ripartenza di settembre restano tutte aperte. È comunque una buona notizia per le famiglie, gli studenti e tutto il personale della scuola, un settore così fondamentale e delicato per il futuro del paese. Regole chiare e condivise tra governo e sindacati, maggiori risorse e nuove assunzioni di personale: la contrattazione ed il modello partecipativo sono la strada necessaria per cambiare anche la scuola ed affrontare le nuove sfide del paese”.

Secondo CISL Scuola Bergamo, “i vari tavoli tecnici attivi nella nostra provincia hanno ipotizzato alcune soluzioni generali da adattare alle condizioni logistiche delle singole realtà scolastiche – riferisce Salvo Inglima, segretario generale della categoria orobica -. Sono allo studio alla primaria e media soluzioni con orario regolare, o con qualche piccola riduzione, prevedendo più punti di accesso all’ingresso. Il servizio mensa sarà attuato con porzioni monodose, per assicurare la completa sicurezza o, allo studio, lunch box , a seconda degli spazi. Ancora da definire, con apposite convenzioni, gli spazi esterni, limitrofi all’edificio scolastico che saranno utilizzati per svolgere alcune attività didattiche. Alle Superiori, gli ingressi saranno scaglionati alle 8, 10, in qualche caso alle 12 con tempo scuola pressoché ordinario, con ipotesi di qualche ora settimanale svolta con la Didattica a distanza. Sarà opportuno anche puntare sui test sierologici volontari e gratuiti per i docenti”.

Ma la Cisl Scuola Bergamo lancia un allarme, emerso da un monitoraggio effettuato tra le scuole primarie, secondarie di I grado e di II grado: a un mese dalla ripartenza all’appello mancano 17.162 banchi e 12.345 sedie.

leggi anche
  • Scuola
    Gallone all’attacco di Azzolina: “Bisogna aiutare i dirigenti scolastici a trovare nuove aule”
    Alessandra Gallone
  • Ordinanza regionale
    Lombardia, il 7 settembre riaprono le scuole dell’infanzia: misurare la temperatura
    "Puffiland”, a Bergamo nuovo asilo nido trilingue
  • A bordo campo
    La scuola (e non solo) verso la ripartenza: con tante incognite
    scuola vuota (foto Kyo Azuma da Unsplash)
  • I dubbi
    I presidi di Bergamo sulla riapertura delle scuole: “Tra cantieri e tanta confusione su tutto”
    Sarpi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it