“Piccolo sarai tu!”: anche nel 2021 Gemels rimborsa nido e materna ai dipendenti - BergamoNews
A cura di

Gemels s.p.a

Trescore balneario

“Piccolo sarai tu!”: anche nel 2021 Gemels rimborsa nido e materna ai dipendenti

La filosofia dell'azienda bergamasca si concretizza in presenza e sostegno concreto alle famiglie dei collaboratori

Sempre più spesso si sente parlare del calo delle nascite e della necessità di sostenere le nuove famiglie. Si dice che “le aziende sono fatte da persone” ma, purtroppo, in molti casi misure come queste rimangono un bel principio e faticano a essere concretizzate.

Alla Gemels S.p.A. di Trescore Balneario, leader nella produzione di particolari industriali, invece, l’attenzione alle esigenze dei collaboratori rappresenta un aspetto fondamentale. Quando l’azienda ha deciso di dare un sostegno in più alle famiglie con figli non si è focalizzata sul calo delle nascite, che è la conseguenza di un problema, ma sulla causa che lo determina. Grazie a svariate riunioni di kaizen (continuo miglioramento) ha approfondito questa problematica per capirne le motivazioni e si è attivata per affrontarla. Così ha deciso di riconoscere i costi dell’asilo nido e della scuola materna per ogni collaboratore, mamme e papà, per bimbi dai 6 mesi ai 6 anni, fino a 12mila euro all’anno per famiglia.

Considerando che l’età media dello staff è di 32 anni, di certo non si tratta di un proforma e chi ha partecipato al team di discussione welfare asilo nido/scuola materna può garantire la determinazione con cui ha operato.

A contraddistinguere questa realtà è una filosofia fuori dagli schemi e difficilmente comprensibile da chi non la vive. Sicuramente, però, quando la visitano i clienti percepiscono qualcosa di originale, un ambiente diverso da quello degli altri luoghi di lavoro. Apprezzandone l’atmosfera, molti dicono che… non ci sono parole adatte per descriverla.

La logica di Gemels risponde ai bisogni presenti, ma guarda anche al futuro. Oggi servono e serviranno persone sempre più specializzate, non basterà più la sola laurea e i master. Il mondo cambia velocemente, per cui non solo occorreranno corsi e formazione continua oltre la scuola, ma sarà indispensabile trattenere chi lavora all’interno di un’azienda e, inoltre, cercare di attrarre anche i figli dei collaboratori e i figli dei loro figli. Conoscendo la filosofia aziendale e l’esperienza di Gemels, in prospettiva questi ultimi potranno entrarvi in parte già formati, tramandandone la cultura e i valori, come se si alimentasse qualcosa che non potrà mai essere spento ma solo aumentato (onestà, cultura, preparazione, capacità e coraggio).

Il mondo del lavoro è segnato da precarietà e instabilità, molti cambiano spesso il posto di lavoro, mentre Gemels ritiene che saranno proprio le aziende con una certa capacità e visione a mutare con una frequenza sempre maggiore e ad adattarsi alle persone che la compongono, evolvendosi e sviluppando mansioni nuove. Il valore che Gemels dà alle sue persone è di fondamentale importanza: sono loro il cuore e la mente dell’azienda. Ogni sforzo perciò è finalizzato a trattenere loro e i loro figli.

Laurearsi e poi non trovare lavoro? Fughe di cervelli? Dumping sociale? Per Gemels esistevano 15 anni fa. E spezza una lancia a favore di genitori e ragazzi che fan sacrifici per proseguire in studi universitari: per l’azienda bergamasca è questa la strategia corretta.

leggi anche
  • Acli
    Ripartiamo dal welfare: perché lo stato sociale non è un bene negoziabile
    Johnny Dotti
  • Confindustria bergamo
    Welfare aziendale, alla Chimiver di Pontida il premio “La Buona Impresa”
    Chimiver Spa
  • Al convegno uil
    Welfare aziendale: l’esempio virtuoso del Gruppo Mazzucconi
    mazzucconi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it