BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Auto a noleggio: “Almeno 1.200 euro per 7 giorni in Sardegna, a Bergamo 200”

L'indagine di Federconsumatori dopo che un cittadino aveva denunciato l'annullamento di una prenotazione da 300 euro e la seguente richiesta di 1.800 per la stessa auto nelle stesse date.

Una prenotazione effettuata mesi fa per circa 300 euro annullata e una nuova richiesta, negli stessi giorni e per la stessa auto, di oltre 1.800: è quanto denuncia un cittadino bergamasco che ad agosto trascorrerà le proprie vacanze in Sardegna e che da tempo si era già organizzato per assicurarsi una vettura a noleggio.

A raccogliere la lamentela è stata Federconsumatori Bergamo che, dalla sua brutta esperienza, ha avviato una veloce indagine sulla situazione dei prezzi delle società che noleggiano auto sull’isola.

“Alcuni mesi fa – spiega Federconsumatori – la persona in questione aveva prenotato per sette giorni un’automobile al costo di 300 euro. Ora scopre che nello stesso aeroporto per la stessa automobile e per i medesimi giorni di noleggio non ne bastano 1.800. Quindi, dovendo necessariamente spostarsi nei luoghi programmati, dovrà subire il danno di pagare cifre esorbitanti (non previste) per avere la disponibilità di un’automobile”.

Ma al di là dei dubbi sulla legittimità dell’annullamento di una prenotazione già accettata, circostanza che l’associazione a difesa dei consumatori bergamaschi sta valutando, è scattata subito una verifica sui noleggiatori auto degli aeroporti sardi, confrontando le tariffe applicate dal 7 al 14 agosto con quelle che le stesse società chiedono all’aeroporto di Orio al Serio.

“C’è da rimanere basiti – commenta Federconsumatori – Per la medesima classe di automobile e il medesimo periodo di noleggio si passa dai 250/300 euro richiesti a Bergamo agli oltre 1.500 euro nei diversi aeroporti sardi. Della questione facciamo una segnalazione all’Ufficio turistico della Sardegna per capire se i turisti, che nonostante le difficoltà oggettive dovute al ‘coronavirus’ scelgono di recarsi nell’isola, sono considerati una gradita risorsa oppure dei polli da spennare. Consigliamo a chi stesse incorrendo nella medesima situazione di farsi sentire dai responsabili del settore turistico della bellissima Sardegna per esprimere Loro il totale disappunto per le difficoltà incontrate o che incontreranno”.

Il confronto dei prezzi (Clicca qui)

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.