Trasporti, scontro Governo-Regione sui posti a sedere: Atb e Teb restano prudenti - BergamoNews
Il caso

Trasporti, scontro Governo-Regione sui posti a sedere: Atb e Teb restano prudenti

Atb e Teb a Bergamo e Atm a Milano mantengono ancora i segnali di distanziamento sui propri mezzi, in attesa che il confronto di giovedì in Conferenza Stato-Regioni chiarisca la situazione.

A cambiare le carte in tavola è stata la nuova ordinanza di fine luglio di Regione Lombardia in merito alla regolamentazione degli accessi al trasporto pubblico che, in sostanza, ha ripristinato per quasi tutti i mezzi la capienza pre Covid per i posti a sedere dimezzando solo quelli in piedi.

Secondo il nuovo documento firmato dal presidente Attilio Fontana, rimane infatti l’obbligo della mascherina, ma è consentita l’occupazione del 100% dei posti a sedere e del 50% dei posti in piedi per i quali il mezzo è omologato sui mezzi autofilotranviari interurbani, sui servizi metropolitani e autofilotranviari urbani e suburbani, sui treni regionali, sui servizi di linea di granturismo, aeroportuali e finalizzati, sui servizi non di linea svolti con autobus con conducente, sui servizi di linea e non di linea di navigazione, sul trasporto funiviario, sui mezzi di trasporto scolastico e scuolabus.

Decisione che ha sorpreso e spiazzato il Governo, col ministro della Salute Roberto Speranza obbligato il giorno seguente a emettere un’ordinanza anche per ripristinare la situazione sui treni ad Alta Velocità, tornati subito a viaggiare a pieno carico.

“La decisione di aumentare la capienza dei mezzi pubblici è meditata e tiene conto della situazione sanitaria lombarda delle ultime settimane e della necessità di coordinamento con le Regioni vicine, le quali hanno adottato provvedimenti analoghi ben prima della Lombardia – ha replicato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità Sostenibile Claudia Terzi -. Il ragionamento che sta alla base dell’ordinanza del ministro Speranza riguarda soprattutto i treni a lunga percorrenza: le parole del ministro Paola De Micheli vanno nella direzione di mantenere in capo alle Regioni le decisioni in ordine al trasporto pubblico locale”.

Una diatriba a distanza alla quale, probabilmente, verrà messo un punto giovedì 6 agosto durante la Conferenza Stato-Regioni: “Attraverso un dialogo costante con il Governo intendiamo comunque definire la situazione e risolvere le incertezze”, ha confermato l’assessore Terzi.

Per ora, però, Governo e Regione restano ognuno sulla propria posizione: e le aziende di trasporto pubblico locale nel frattempo cosa fanno?

In attesa del chiarimento definitivo (si spera), Atm a Milano ha mantenuto i segnali di divieto sui sedili dei mezzi pubblici che definiscono il distanziamento interpersonale e così hanno fatto, a Bergamo, Atb e Teb che viaggiano con il 60% della capienza massima.

Tra chi invece ha subito recepito l’ordinanza della Regione ci sono Trenord e Navigazione Lago d’Iseo, con quest’ultima che ha accolto di buon grado l’occupazione di tutti i posti a sedere ma ha comunque scelto di limitare al 25% (e non al 50% come da ordinanza) i posti in piedi.

leggi anche
  • La novità
    Covid, la nuova app Trenord segnala l’affollamento su treni e banchine
    app trenord
  • Le reazioni bergamasche
    Bonus per chi acquista nei negozi dei centri storici? “Speriamo sia vero”
    Panificio
  • 2020/2021
    Campagna abbonamenti Atb: tra le novità BiGi per studenti e biglietto virtuale
    campagna abbonamenti atb
  • Il direttore atb
    Scarfone: “L’emergenza Covid 19 ci spinga verso una mobilità green”
    Generico agosto 2020
  • Il caso
    “Non si può pagare a rate l’abbonamento annuale di Sab”, l’azienda: “È mancato un finanziatore”
    Sab
  • La bergamasca axiro
    Sanificazione dei mezzi di trasporto pubblici: società di ingegneria propone la soluzione
    cleanlife
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it