Morengo, mozione della Lega: reddito di cittadinanza in cambio di lavori utili - BergamoNews
Bassa

Morengo, mozione della Lega: reddito di cittadinanza in cambio di lavori utili

Il gruppo Lega-Salvini ha presentato in Consiglio comunale a Morengo una mozione sul reddito di cittadinanza

Il gruppo Lega-Salvini ha presentato in Consiglio comunale a Morengo una mozione sul reddito di cittadinanza.

Il testo della mozione

“Il lavoro di pubblica utilità – si legge – consiste nell’attività non retribuita a favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale o di volontariato”.

Con il decreto-legge del 28 gennaio 2019, “le amministrazioni comunali potranno istituire progetti utili alla collettività a cui i beneficiari del reddito di cittadinanza dovranno partecipare” dando “la propria disponibilità a svolgere attività non retribuite in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni tra un minimo di 8 e un massimo di 16 ore settimanali, presso il loro comune di residenza”.

Il decreto del ministero del Lavoro “specifica che è auspicato il coinvolgimento degli enti del terzo settore, come le organizzazioni di volontariato” mentre “la titolarità dei progetti è in capo ai comuni che devono organizzare e definire i lavori da svolgere. La mancata partecipazione ai progetti, nel caso in cui il Comune di residenza li abbia istituiti, comporta la decadenza del sussidio”.

Per questo si impegna il sindaco e la giunta a verificare se “nel paese di Morengo vi siano cittadini che percepiscano il reddito di cittadinanza, a istituire un ‘progetto utile alla collettività’ come indicato dalla legge” e ” a impiegare i suddetti cittadini nel ‘progetto utile alla collettività’ diffondendo inoltre un grande senso civico nella comunità del Paese”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it