Gruppo Eurocar acquista tre centri Porsche e due centri assistenza in Piemonte - BergamoNews
Auto

Gruppo Eurocar acquista tre centri Porsche e due centri assistenza in Piemonte

Continua la crescita strategica in Italia. Negli ultimi due anni acquisite diverse concessionarie, tra cui il gruppo Bonaldi a Bergamo

Il Gruppo Eurocar Italia conferma la recente acquisizione di tre centri Porsche e due centri di assistenza Porsche del Gruppo Erre Esse, di cui ha assunto la gestione il 1° Agosto 2020.

I centri Porsche acquisiti si trovano in Piemonte, precisamente a Torino, Alessandria e Cuneo. I centri assistenza Porsche hanno sede a Novara e Genova. I circa 50 collaboratori in forza al Gruppo Erre Esse entrano a far parte del Gruppo Eurocar Italia.

Nel 2019, le imprese del Gruppo Erre Esse hanno concluso la vendita di 850 vetture Porsche tra nuovo (500) e usato (350).

Con questa acquisizione il Gruppo Eurocar Italia continua la sua crescita strategica in Italia. Negli ultimi due anni il Gruppo Eurocar Italia, controllato da Porsche Holding Salisburgo, ha acquisito diverse concessionarie, tra cui il gruppo Bonaldi a Bergamo, il gruppo Dorigoni a Trento, la Saottini Auto S.p.A. e ha in essere un accordo di joint venture con la Vicentini S.p.A. a Verona.

Alessandro Simoni, già titolare di Erre Esse: “La Erre Esse S.p.A. costituita nel 2001 intreccia le sue radici con il marchio Porsche a partire dagli anni 1960 prima come officina autorizzata poi come concessionaria del marchio. Negli ultimi 18 anni Erre Esse Spa non ha mai smesso di investire consolidando la crescita sul mercato del nord ovest con l’apertura di più punti vendita. Attraverso le sedi nelle province di Torino, Alessandria, Cuneo, Genova, Novara, l’azienda ha consegnato nel 2019 oltre 500 vetture nuove per un fatturato di circa 70 milioni di euro attestandosi tra le più importanti realtà rappresentative del marchio in Italia. Considerando il forte cambiamento che sta coinvolgendo il settore automotive sia sul fronte della produzione sia sul fronte del modello distributivo, abbiamo individuato in Porsche Holding il miglior interlocutore possibile per poter garantire e mantenere il percorso di successo che ha contraddistinto l’operato della nostra azienda in questi anni.”

Matthias Moser, direttore generale Gruppo Eurocar Italia: “L’acquisizione di Erre Esse e del suo team di collaboratori di alta professionalità arricchisce tutta la squadra del Gruppo Eurocar Italia. Erre Esse è un’impresa di successo sul territorio piemontese; con le sue sedi gode di un’ottima performance sul mercato. Il nostro lavoro intende continuare nel solco della tradizione della famiglia Simoni per garantire un servizio di eccellenza ai clienti, sviluppare e valorizzare le risorse umane e, consapevoli della nostra responsabilità sociale d’impresa, tessere un proficuo rapporto con il territorio e le comunità in cui operiamo. Ci sono tutti i presupposti per far crescere una realtà che è già di successo”.

Il Gruppo Eurocar Italia, in soli due anni, ha raddoppiato il volume di vendita di autoveicoli nuovi arrivando a circa 35.700 autovetture. Con l’acquisizione di Erre Esse, il Gruppo Eurocar Italia, che occupa ad oggi 1.275 dipendenti, è presente in 32 sedi tra Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Piemonte, Lombardia e Toscana.

leggi anche
  • Motori
    Porsche Italia, Q8 e Enel X ampliano la rete di infrastrutture di ricarica ultrafast
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it