BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tragedia di Parre: “Alex è morto nella sua seconda casa, era felice e sereno”

Don Armando Carminati, parroco del paese, parla del 44enne rimasto vittima di un incredibile incidente con una sedia: "Era semplice e positivo, una persona che dava molto"

“Era semplice e positivo, una persona che dava molto”. Don Armando Carminati, parroco di Parre, ricorda così Alex Riva, il 44enne morto dissanguato nel pomeriggio di mercoledì 29 luglio dopo che la gamba di metallo di una sedia gli ha letteralmente reciso la carotide.

L’incredibile tragedia si è verificata sotto gli occhi attoniti degli operatori e degli ospiti del Centro socio educativo che frequentava ogni giorno: Alex stava portando una sedia in giardino, quando sarebbe inciampato sui gradini che dall’edificio portano al cortile.

La sedia si è ribaltata e lui ci è caduto sopra, trafiggendosi proprio la gola.

Immediata ma purtroppo inutile la chiamata al 112: quando i sanitari sono arrivati il 44enne era già morto dissanguato.

“La comunità che accompagna questi ragazzi è come una seconda famiglia per loro – spiega don Armando -. Gli animatori sono tutti tristi e sconvolti, anche perché a questi ragazzi ci si affeziona: sono speciali e danno molto. Anche Alex era così, semplice e positivo. Ricordo che ogni giorno, quando arrivava nella struttura, passava da tutti, ospiti e operatori, per dare il buongiorno e chiedere come stavano”.

A piangere Alex, oltre all’intera comunità di Parre, ci sono mamma Clotilde, papà Silvano e la sorella minore Elena: “Una famiglia squisita, fatta di brave persone che hanno saputo crescere nella serenità un figlio speciale. Sono convinto – continua don Armando – che con Alex hanno ricevuto un senso speciale alla loro vita. Lo hanno saputo comprendere”.

“Queste tragedie sono incredibili, incomprensibili – spiega ancora il sacerdote -. Incidenti clamorosi, sorprendenti, che possono però succedere. Questo, però, non deve togliere nulla al grande lavoro fatto dagli splendidi volontari del centro: Alex è morto nella sua seconda casa, con la sua seconda famiglia, dove si sentiva amato e benvoluto. Queste persone hanno regalato ad Alex una vita degna e piena”.

Venerdì 31 luglio, alle 15, i funerali nella parrocchiale di Parre.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.