BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Degrado in galleria Fanzago, Gandi: “Al lavoro per ripristinare la sicurezza”

Il vicesindaco di Bergamo, Sergio Gandi, risponde alla lettera inviata da un gruppo di esercenti a Bergamonews per segnalare i troppi disagi

Più informazioni su

Il vicesindaco di Bergamo, Sergio Gandi, risponde alla lettera che un gruppo di esercenti ha inviato a Bergamonews per denunciare il degrado in galleria Fanzago, in centro città. Una situazione che hanno definito “insostenibile” tra i negozi, gli uffici e gli appartamenti della galleria che collega viale Papa Giovanni XXIII e via Angelo Mai.

“Ogni giorno ci sono senzatetto che defecano e urinano nel corridoio o davanti alle vetrine, bevono e bivaccano – hanno denunciato tra le altre cose i negozianti -. Già alle dieci del mattino abbiamo gente ubriaca che rompe bottiglie di birra e si creano non solo disagi ma anche un pericolo per i bambini che semplicemente camminano o giocano per terra”.

La risposta del vicesindaco

“Gentile Direttore,

Ho letto con attenzione la richiesta della commerciante della galleria Fanzago, pubblicata ieri sul Suo giornale. Proprio nei giorni scorsi, attraverso gli ufficiali della nostra Polizia Locale, abbiamo avviato un interlocuzione con la commerciante, nel tentativo di risolvere la questione.

Siamo ovviamente a conoscenza del problema: il Comando di via Coghetti ha già intensificato la presenza di agenti nell’area, attraverso una serie di presidi fissi e servizi a piedi. Confidiamo che, anche attraverso il coinvolgimento delle altre Forze dell’Ordine, sia possibile ottenere risultati e ripristinare la sicurezza nella Galleria.

Il divieto di consumare alcolici nei luoghi pubblici e fuori dai locali di somministrazione è già vigente, per ordinanza del Sindaco, a partire dalle ore 19 di tutti i giorni della settimana: un divieto su cui lavoriamo con impegno perché venga osservato in tutta la città. Al momento non prevediamo un’estensione degli orari oggetto dell’ordinanza, ma ovviamente possiamo valutare eventuali modifiche qualora le circostanze le richiedessero”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.