Da Bergamo a Riccione per furti e rapine, fermata baby gang - BergamoNews
L'operazione

Da Bergamo a Riccione per furti e rapine, fermata baby gang

Dal giugno scorso è sospettata di aver commesso diversi colpi ai danni dei turisti, in strada o sul lungomare

Furti e rapine in strada e sul lungomare ai danni di turisti. Una banda di giovani è stata fermata dai carabinieri di Riccione con l’accusa di aver messo a segno diversi colpi lo scorso weekend e forse nell’ultimo mese.

Il blitz è scattato tra domenica 26 e lunedì 27 luglio e ha permesso di arrestare sette giovani (di cui cinque minori) e di denunciarne altri 12 (tre minori): come riporta l’Ansa sono residenti prevalentemente a Bergamo, tranne uno di Lucca.

La figura chiave che ha permesso di dare una svolta alle indagini è quella di una ragazza bionda di 18 anni. Tutto è partito venerdì sera sul lungomare di Riccione quando dei turisti bergamaschi, che pedalavano sul risciò, sono stati fermati da due giovani.

Uno di loro, secondo la ricostruzione, ha dato uno schiaffo e strappato la collanina d’oro dal collo di uno dei turisti. Sul mezzo, però, avevano montato un’action-camera. Il filmato ha così permesso ai militari di individuare poco dopo i soggetti insieme ad un gruppo ben più ampio, tra cui la ragazza bionda.

Una volta in caserma, si è presentato alla porta un turista, questa volta del Lecchese, per denunciare una rapina con aggressione avvenuta in spiaggia quella stessa sera. In sala d’attesa il turista ha riconosciuto la ragazza bionda: la 18enne avrebbe provato a fermare i suoi amici dal soccorrerlo mentre veniva picchiato e rapinato.

leggi anche
  • La nomina
    Assolegno, il nuovo presidente nazionale è il bergamasco Angelo Luigi Marchetti
  • Esposto first cisl
    “Sulla salute non si gioca al risparmio”, Banco BPM sanzionato per l’anti -Covid
  • L'operazione
    Rapinava ragazzini nei parchi di Osio Sopra e Sotto: in cella ventenne
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it