Bimba rischia di annegare nel lago: "Stazionaria, non ancora fuori pericolo" - BergamoNews
Le condizioni

Bimba rischia di annegare nel lago: “Stazionaria, non ancora fuori pericolo”

La piccola, 10 anni, di Costa Volpino, giocava nel lago a Pisogne con gli amici quando è sparita ed è stata ritrovata esanime da alcuni bagnanti

“Ho sentito il padre della bambina che ha rischiato di annegare ieri in Darsena. È stazionaria, non ancora fuori pericolo, ma tutti ci auguriamo che possa dimostrare anche in queste ore la forza che ha dimostrato nel riprendersi dopo vari minuti di massaggio cardiaco”. È quanto scritto in un post su Facebook dal sindaco di Pisogne, Federico Laini. “Intanto un grazie immenso al ragazzo giovanissimo che è riuscito a trovarla e portarla a riva, avremo modo di dimostrare riconoscenza per un atto cosi importante”.

La piccola, 10 anni, di Costa Volpino, domenica era andata con i genitori e un gruppo di amichetti alla Darsena 2.0, una spiaggia attrezzata in località Pizzone di Pisogne (nel Bresciano) per passare un pomeriggio al lago. Intorno alle 17,15, però, poco dopo essere entrata in acqua, non è più riemersa.

Quando è scattato l’allarme alcuni bagnanti si sono prontamente tuffati per riportarla a galla: la ragazzina è stata portata a riva esanime e per questo trasportata d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Le sue condizioni, inizialmente, sembravano disperate.

leggi anche
  • Domenica pomeriggio
    Bimba gravissima dopo bagno nel lago, ricoverata in ospedale a Bergamo
  • La nomina
    Assolegno, il nuovo presidente nazionale è il bergamasco Angelo Luigi Marchetti
  • Esposto first cisl
    “Sulla salute non si gioca al risparmio”, Banco BPM sanzionato per l’anti -Covid
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it