Dopo furti e atti vandalici ecco le telecamere: riapre la chiesa di Sant'Andrea - BergamoNews
Bergamo

Dopo furti e atti vandalici ecco le telecamere: riapre la chiesa di Sant’Andrea

L'annuncio di don Giovanni Gusmini, dopo gli spiacevoli episodi delle scorse settimane

Una buona notizia: finalmente riapre la chiesa di Sant’Andrea in Città Alta, chiusa (salvo per la Messa domenicale e per le visite su prenotazione) dopo i continui furti e atti vandalici. Lo annuncia con un post su Facebook don Giovanni Gusmini, vicario parrocchiale e responsabile della pastorale universitaria per l’ateneo cittadino.

“La Provvidenza ha provveduto in men che non si dica – scrive il sacerdote, in riferimento ad una donazione -. La Chiesa di Sant’Andrea è ora dotata di un sofisticato impianto di sicurezza con telecamere a circuito chiuso. La possiamo perciò riaprire, perché tutti coloro che desiderano ritagliarsi nelle sue navate silenziose un attimo di pace o vedere le sue meravigliose opere d’arte lo possano fare in tutta tranquillità”.

https://www.facebook.com/dongiovanni.gusmini/posts/3087257598051897

 

Soltanto un mese fa (era il 27 giugno) don Gusmini aveva raccontato tutta la sua delusione sui social network, dopo alcuni furti e atti vandalici all’interno della chiesa di via Porta Dipinta, condividendo con i fedeli le immagini di quanto successo.

gli atti vandalici all'interno della chiesa
leggi anche
  • Bergamo
    Atti vandalici e furti alla chiesa di Sant’Andrea: “Chiusa finché non metteremo le telecamere”
    Vandali chiesa
  • La lettera
    “La bici rubata a mio figlio davanti ai suoi occhi al Villaggio degli Sposi: inaccettabile”
    Bici rubata
  • Valle brembana
    Dossena, l’auto elettrica del car sharing col vetro sfondato: l’amarezza del sindaco
    Auto elettrica danneggiata a Dossena
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it