"Perplessità sui saldi anticipati: va riformata questa tipologia di vendita" - BergamoNews
Adiconsum

“Perplessità sui saldi anticipati: va riformata questa tipologia di vendita”

Mina Busi: "I saldi saranno fortemente condizionati dal fatto che tanti lavoratori hanno perso il lavoro o aspettano ancora la cassa integrazione".

“Molte perplessità nascono dall’idea di far partire i saldi da sabato 25 luglio. Oltre alle difficoltà dettate dalle regole post lockdown, infatti, ci sono tanti altri aspetti che la svendita di questi tempi mette in risalto”. Mina Busi, presidente di Adiconsum Bergamo, ritiene che “i saldi estivi 2020 avranno un sapore diverso: non ci saranno sicuramente folle di consumatori che si recheranno nei negozi o negli outlet, perché la paura dei contagi è ancora alta. Inoltre – continua – i saldi saranno fortemente condizionati dal fatto che tanti lavoratori hanno perso il lavoro o aspettano ancora la cassa integrazione. L’ impoverimento di tantissime famiglie comporta giocoforza che il saldo sia proprio l’ultimo dei pensieri”.

“Comprare sarà difficile anche per le precauzioni anti-covid che impongono il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine, disposizioni sulle quali i commercianti dovranno attentamente
vigilare. All’ingresso di ciascun punto vendita dovrà essere posto il gel disinfettante a continua disposizione dei clienti,; i camerini andranno disinfettati a ogni ingresso, e questo comporterà molte difficoltà a provare i capi. Si preferirà sicuramente di permettere al cliente di restituire la merce entro un certo lasso di tempo nel caso non andasse bene”.

Poi, il rito dei saldi si scontra con l’abitudine ormai certificata della spesa on line: oggi un consumatore può acquistare quello che vuole, quando vuole a prezzi scontati 365 giorni all’anno, 24 ore su 24. “Occorrerà – conclude la presidente di Adiconsum – oggettivamente mettere mano a una riforma di questa tipologia di vendita”.

leggi anche
  • Decisione regionale
    Saldi in anticipo in Lombardia: partono sabato 25 luglio
    saldi estivi
  • Mina busi
    Bilancio Adiconsum Bergamo: “La quarantena non ferma truffe e raggiri, anzi”
    Bilancio Adiconsum 2019 2020
  • Emergenza covid
    Rette asili privati, si possono chiedere i rimborsi? La battaglia di Adiconsum Bergamo
    Asilo nido Levate
  • L'osservatorio cgil
    L’emergenza Covid peggiora il divario tra donne e lavoro
    Generico luglio 2020
  • Città e provincia
    Agosto a Bergamo: il 90% di bar, ristoranti e negozi non chiude per ferie
    aperto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it