Atalanta, in casa del Milan con un obiettivo: mantenere il secondo posto - BergamoNews
Stasera in campo

Atalanta, in casa del Milan con un obiettivo: mantenere il secondo posto

La terz’ultima gara di questo campionato, a San Siro, si presenta ancora più complicata di quella col Bologna

In un insolito venerdi sera, la Dea rende visita al Milan nella terz’ultima partita di questo campionato. La squadra atalantina è riuscita a superare anche il rognoso Bologna non senza difficoltà, grazie all’ennesima prodezza di Luis Muriel, il giocatore che ha segnato più reti in Europa entrando dalla panchina.

La partita di San Siro si presenta ancora più complicata di quella con i felsinei. La squadra di Pioli, nel dopo lockdown ha un ritmo da Scudetto, segnando tra l’altro gol a grappoli. Chissà dove sarebbe ora se non avesse avuto un inizio poco felice.

Tra l’altro la squadra rossonera esprime anche un gioco piacevole e arioso, segno che gli insegnamenti del mister milanista hanno richiesto del tempo ma sono andati a buon fine.

È lontana la squadra smarrita della partita d’andata, con gli occhi persi dei giocatori rossoneri sommersi dalle 5 reti atalantine, inermi di fronte allo strapotere di Gomez e compagni. Ma oggi la situazione è diversa e questa è l’unica partita temibile per i  bergamaschi. Anche perché la Dea vista martedi sera è, purtroppo, la brutta copia di quella a cui eravamo abituati. Quasi tutti i giocatori nerazzurri sono apparsi lenti e quasi svogliati.

La speranza è che questa condizione sia legata alla volontà di essere pronti per la Final Eight di Champions e che la squadra non abbia invece finito la benzina, perché sarebbe davvero un peccato a così poca distanza dal traguardo finale.

C’è poi la voglia del Milan di riscattare quel 5 a 0 di dicembre, una delle pagine più brutte e umilianti nella storia della squadra meneghina.

Le due formazioni si sono affrontate a Milano in Serie A in 58 occasioni: 28 volte ha prevalso il Milan, 10 volte l’Atalanta mentre 20 sono stati i pareggi. Considerando anche le gare di Bergamo le sfide diventano 117 con 51 successi rossoneri, 24 nerazzurri e 42 pareggi.

Il Milan non batte la Dea a San Siro dal 2014-2015: allora fu un secco 3 a 0 per le reti di Cristante e la doppietta di Kakà. L’ultima vittoria atalantina a Milano è quella del campionato 2017-2018: furono Cristante (stavolta in nerazzurro) e Ilicic a firmare il successo.

E’ quello dello scorso campionato invece il più recente pareggio: rossoneri in vantaggio con Higuain, pareggio di Gomez, nuovo vantaggio milanista con Bonaventura e pareggio finale di Rigoni al 91esimo.

La partita con maggior scarto di reti è un indimenticato 9 a 3 per il Milan del 1972-1973 con tripletta di Prati (appena scomparso) e doppiette di Rivera e Bigon. Come già accennato, nella gara d’andata una sontuosa Atalanta ha letteralmente ridicolizzato il Milan, segnando ben 5 reti con Gomez, Pasalic, Muriel e doppietta di Ilicic. Partita da ricordare negli annali, con la Dea con l’insolita maglia verde del Christmas Match.

Tantissimi gli ex della partita: attualmente con la casacca rossonera Andrea Conti, Frank Kessie, Jack Bonaventura e Simon Kjaer, mentre in maglia nerazzurra troviamo Mattia Caldara e Mario Pasalic.

La curiosità è che nella gara d’andata Caldara e Kjaer erano a maglie invertite, ossia Mattia con quella milanista e Simon con quella atalantina.

Sarà stanca, penserà alla Champions ma la Dea quest’anno è favolosa: quindi perché non sbancare anche San Siro?

Più informazioni
leggi anche
  • Serie a
    Sempre Lui(s): l’Atalanta batte il Bologna e firma il record di punti in A
    Atalanta-Bologna
  • La classifica
    Ilicic, Gomez & Zapata: per “Insider” l’Atalanta ha il miglior tridente d’Europa
    Zapata Gomez
  • Che storia
    Dall’inizio shock alla seconda volta in Champions: l’Atalanta da sogno del Gasp
    Gasperini
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it