• Abbonati
Il caso

La moglie di Calderoli approva il Recovery Fund: il post che fa arrabbiare la Lega

Gianna Gancia, eurodeputata leghista e moglie del senatore bergamasco, lo ha poi rimosso dai social.

“Sin dall’inizio sono stata l’unica, all’interno del partito di Salvini (quella che un tempo era la Lega) a sostenere convintamente nel centrodestra (insieme a qualche collega di Forza Italia) la necessità di un accordo ambizioso sul Recovery Fund. È stato fatto un grande lavoro diplomatico da parte dell’Italia. Cosa diranno ora Matteo e la Giorgia nazionale? Che spieghino agli italiani da dove avrebbero preso i soldi, loro”.

Polemica e mistero attorno a un post attribuito a Gianna Gancia, europarlamentare leghista e moglie di Roberto Calderoli, nel quale l’ex presidente della Provincia di Cuneo tesse le lodi del Governo per il risultato ottenuto.

Un post che poi è stato rimosso dai social, ma che continua a circolare in rete sotto forma di screenshot e che ha ovviamente scatenato diverse reazioni nel mondo politico.

Dal Movimento 5 Stelle, ovviamente, hanno preso la palla al balzo: l’eurodeputato Mario Furore ha sottolineato che la Gancia “nel suo post dice la verità”, approfittandone per punzecchiare Salvini e Meloni (“Anzichè arrampicarsi sugli specchi, dovrebbero ammettere la vittoria in Europa di Conte e dell’Italia”).

Ma oltre alla posizione sul Recovery Fund, a far innervosire i vertici leghisti c’è anche il passaggio in cui sottolinea la differenza tra “il partito di Salvini” e “quella che un tempo era la Lega”. 

Sulla vicenda la diretta interessata non si esprime, così come il senatore Calderoli. 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
leggi anche
uliano
Recovery fund
Misiani: “Ben 209 miliardi in arrivo, ma stavolta dobbiamo saperli spendere”
Giuseppe Conte annuncio 24 ottobre
I contenuti
Nella notte via libera al Recovery Plan, ma la crisi è dietro l’angolo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI