Quantcast
Il 18 marzo sarà Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid - BergamoNews
Via libera dalla camera

Il 18 marzo sarà Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid video

Lo annunciano i deputati bergamaschi del PD Maurizio Martina e Elena Carnevali: "18 Marzo, quando i camion militari a Bergamo hanno dovuto accompagnare fuori da Bergamo i primi feretri"

“È stata approvata oggi, giovedì, alla Camera dei deputati la proposta di legge di cui siamo stati promotori per l’istituzione, il 18 marzo di ogni anno, della Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell’epidemia di Coronavirus. Quello è il tragico giorno che ha cambiato la percezione dell’emergenza di molti cittadini ovunque, quando i camion militari a Bergamo hanno dovuto accompagnare fuori dalla città i primi feretri“. Lo annunciano i deputati bergamaschi del Partito Democratico Maurizio Martina e Elena Carnevali.

“Fare memoria per non dimenticare. Fare memoria per riflettere rigorosamente su ciò che non ha funzionato e sugli errori da non ripetere. Fare memoria anche per ricordare il valore di quanto di positivo si è manifestato”. Sono le parole pronunciate dal Presidente Sergio Mattarella nel giugno scorso proprio a Bergamo, davanti al cimitero monumentale della città: “Pensiamo di poter dire che queste parole rappresentino pienamente il senso della proposta per l’istituzione di questa giornata”, poseguono i due parlamentari orobici.

Durante ogni 18 marzo dedicato alla memoria di tutte le vittime, le scuole di ogni ordine e grado promuoveranno speciali iniziative didattiche, momenti di studio e di formazione dedicate in particolare alle giovani generazioni; i comuni e tutte le istituzioni, in ogni realtà territoriale, promuoveranno percorsi di informazione e di riflessione aperte a tutta la cittadinanza. Sarà possibile per tutti devolvere una o più ore del proprio lavoro al fondo per il finanziamento degli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica e gli organi d’informazione dedicheranno specifici approfondimenti su una delle pagine più drammatiche della nostra storia recente.

“La speranza – concludono Carnevali e Martina – è che anche attraverso questa giornata si possano rafforzare i nostri impegni per ricordare sempre chi ha sofferto e non c’è più e per esercitare con la massima determinazione le nostre responsabilità per un futuro migliore e per un Paese sempre più forte e coeso”.

I parlamentari bergamaschi della Lega sottolineano che “la proposta di legge, un testo unico in cui sono confluite diverse proposte tra cui quella della Lega, è stata approvata oggi alla Camera all’unanimità. Il Covid ha devastato la nostra provincia, la più colpita dai contagi e dalle morti. Per i bergamaschi che hanno perso i propri cari quella del 18 marzo sarà una giornata della memoria anche per il dramma, vissuto da tanti, di non aver potuto dare nemmeno l’ultimo saluto ai propri familiari. Sarà un momento in cui tutti saranno ricordati, troppi sono morti soli negli ospedali e nelle case di riposo senza aver più rivisto i propri familiari, senza aver ricevuto una carezza o una preghiera”.

In quella stessa giornata, sottolineano i leghisti “verranno ricordati anche tutti coloro che in prima linea hanno combattuto il virus, salvato vite nell’emergenza, magari perdendo anche la propria. Non vogliamo più vedere le immagini strazianti dei mezzi dell’esercito che trasportavano le bare che partivano da Bergamo o gli ospedali e i pronto soccorso pieni, i medici e gli infermieri stremati. Il Covid ha portato via i nostri cari, generazioni che hanno fatto la storia del nostro Paese e che è giusto ricordare. E la consapevolezza che al di là delle distinzioni politiche ci siano dei valori condivisi, ci ha portato a creare questo testo unico che vuol essere memoria storica e al tempo stesso un ringraziamento a medici, infermieri, volontari, associazioni, imprenditori, commercianti, camionisti e lavoratori che hanno lottato e lavorato in quei mesi drammatici”.

I parlamentari bergamaschi di Forza Italia Gregorio Fontana, fra i firmatari del provvedimento, e Alessandra Gallone intervengono in merito all’istituzione della giornata del ricordo per le vittime del Coronavirus:

“È stata approvata alla Camera la legge, proposta da Forza Italia e votata da tutti i gruppi parlamentari, che istituisce il 18 marzo la giornata nazionale per le vittime del coronavirus. Una data che per i bergamaschi, e per tutti gli italiani, rappresenta un indelebile ricordo, il giorno più duro, con i carri militari che scortavano 65 feretri fuori dalla nostra città, senza nemmeno la possibilità di un ultimo saluto. E’ una immagine che ha unito tutto il Paese nella consapevolezza della tragedia in atto, davanti alla quale siamo rimasti tutti sgomenti, ma nonostante questo abbiamo comunque trovato la forza per rialzarci e ripartire.

Il provvedimento, che contiene inoltre disposizioni per il sostegno alla ricerca scientifica, si riassume in due parole: non dimentichiamo. Sarà infatti una giornata con incontri, momenti di ricordo, trasmissioni radio e televisive, attività e iniziative rivolte soprattutto alle giovani generazioni, anche negli istituti scolastici di ogni ordine e grado, per non dimenticare chi ci ha lasciato e per riaffermare le ragioni per andare avanti”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Esercito Ponte San Pietro
Guarda il video
Dopo Bergamo, torna l’Esercito e porta via 33 salme da Ponte San Pietro
L’esercito torna a Bergamo per portare salme fuori città
Sabato mattina
Di nuovo l’esercito per trasportare 70 salme da Bergamo ad altre città
Esercito bare Coronavirus
La decisione
L’esercito porta le bare fuori da Bergamo: in altre 11 città per la cremazione
Generico luglio 2020
Il bollettino regionale
Coronavirus, Bergamo con 27 contagi è ancora la più colpita in Lombardia
ilaria iris facoetti
Ilaria, giovane soprano
“Io, bergamasca, canto in Abruzzo per le vittime del Covid: emozione immensa”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI