L'arte del formaggio: a ottobre il via al corso per diventare "casaro di montagna" - BergamoNews
La novità

L’arte del formaggio: a ottobre il via al corso per diventare “casaro di montagna”

Nove giorni per 72 ore di lezione a Ponte di Legno: l'iniziativa è stata promossa dal consigliere regionale bergamasco Giovanni Malanchini

“Una bella iniziativa per rafforzare ancora di più il percorso di valorizzazione dei prodotti di montagna già intrapreso da Regione Lombardia. È quella organizzata dall’ente regionale attraverso Ersaf, che permetterà attraverso un corso professionale di nove giornate, per un totale di 72 ore, da lunedì 26 ottobre a giovedì 5 novembre 2020, di formare i casari di montagna”. Lo annuncia Giovanni Malanchini, consigliere segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia.

“Attraverso questa iniziativa – continua l’ex sindaco di Spirano -, Regione Lombardia dimostra ancora una volta di investire sull’agricoltura di alta quota e sulle eccellenze agroalimentari del nostro territorio”.

Il corso è aperto agli alpeggiatori che già trasformano il latte in malga e a tutti quegli operatori di caseifici aziendali che producono formaggi molli e stagionati. Le prove pratiche si svolgeranno direttamente nell’azienda agricola di Andrea Bezzi di Ponte di Legno in provincia di Brescia, mentre per gli incontri teorici è stato scelto l’Hotel Bleis sempre a Ponte di Legno.

La quota di iscrizione al corso è di 800 euro.

Per informazioni ci si può rivolgere a Pio Rossi, Scuola Agraria del Parco di Monza (p.rossi@monzaflora.it – 335.5238134) o a Piergiorgio Bianchi, ERSAF (piergiorgio.bianchi@ersaf.lombardia.it – 3356041374).

leggi anche
  • La novità
    Una formaggella per ringraziare i bergamaschi: nasce “Sant’Antonio, una storia di resistenza”
leggi anche
  • L'intervista
    “La DOP dello Strachítunt un punto d’arrivo e di partenza per tutta la valle”
  • Sènt che göst
    Arista di maiale con Strachítunt e puré di mele: la ricetta
  • Il ringraziamento
    Oltre 500 ordini da Bergamo a Napoli, il Consorzio dello Strachitunt ringrazia tutti voi
  • Sènt che göst
    Non solo Strachítunt e Taleggio: “La Coop Sant’Antonio è formaggi di qualità e cura del territorio”
  • Le storie
    Nuove stalle per i giovani allevatori di Gerosa: “Produrremo Strachìtunt e resteremo a vivere in valle”
  • Sènt che göst
    Quando lo Strachítunt era esportato in Egitto: la storia del formaggio orobico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it