Bergamo, controlli della polizia: il cane Juan trova la droga nascosta tra i cespugli - BergamoNews
Martedì

Bergamo, controlli della polizia: il cane Juan trova la droga nascosta tra i cespugli

Oltre a personale della Questura di Bergamo è stata impiegata un'unità cinofila della Polizia di Stato proveniente da Milano

Servizio straordinario di controllo e contrasto del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti. Oltre a personale della Questura di Bergamo è stata impiegata un’unità cinofila della Polizia di Stato proveniente da Milano con il pastore tedesco Juan.

Nel corso del servizio sono state controllate 70 persone di cui un 18enne segnalato alla Prefettura in quanto trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana.

Tre cittadini stranieri sono stati posti a disposizione dell’Ufficio Immigrazione in quanto irregolari sul territorio nazionale, peraltro due di questi si sono resi protagonisti di una lite passata alle vie di fatto in via Bonomelli e subito bloccati dagli operanti.

Il fiuto infallibile di Juan ha portato a rinvenire tra i cespugli circa 20 grammi di stupefacente tra hashish e marijuana, divisa in dosi e pronta per lo spaccio nella zona tra Piazzale Marconi e via Jacopo da Balsamo. Sottoposte a controllo anche le aree prospicienti il Parco Olmi alla Malpensata e la zona delle Autolinee.

Più informazioni
leggi anche
  • Questura di bergamo
    Il sogno realizzato del piccolo Enzo: essere poliziotto per un giorno
    Enzo, poliziotto per un giorno
  • La perquisizione
    Due chili di droga in casa e piantine di marijuana: due arresti a Gorle
    polizia
  • Lotta allo spaccio
    Tenai, il primo cane “assunto” dalla Polizia locale di Bergamo
    tenai cane polizia locale bg
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it