Cala dell’1% il numero di imprese attive: si torna al 2013 - BergamoNews
Secondo trimestre 2020

Cala dell’1% il numero di imprese attive: si torna al 2013

Il presidente della Camera di commercio Carlo Mazzoleni: "I dati registrano i primi effetti della pandemia"

“Nel secondo trimestre dell’anno anche l’anagrafe camerale registra i primi effetti della pandemia. La diminuzione di consistenza tra le imprese attive si nota particolarmente tra le attività manifatturiere e quelle commerciali, e al loro interno il calo è attribuibile soprattutto alla chiusura di imprese individuali e di srl. Nel periodo resta positivo il saldo tra aperture e chiusure”. Così il presidente Carlo Mazzoleni commenta i dati della Camera di commercio sulle imprese attive a Bergamo e in provincia.

Il secondo trimestre 2020 si chiude infatti con 94.001 imprese registrate in provincia di Bergamo.

Lo stock delle imprese attive (83.855) è in calo tendenziale (-852 posizioni pari al -1,0% su base annua) dalla metà del 2012.

Nel periodo considerato si sono avute 714 nuove iscrizioni (-51,6% su base annua) e 677 cessazioni (-28.6%), con un saldo positivo di +37 unità (+528 nel corrispondente periodo del 2019).

Le imprese attive aumentano su base tendenziale tra le società di capitale (+0,5%). Diminuiscono le società di persona (-3,1%), le imprese individuali (-1,1%) e le altre forme giuridiche (-2,4%), in prevalenza cooperative.

Tra i settori produttivi, la contrazione delle imprese attive rispetto a un anno fa riguarda prevalentemente il commercio all’ingrosso e al dettaglio (-469 pari al -2,4%), le attività manifatturiere (-272 pari al -2,5%, di cui 164 artigiane), costruzioni (-113 pari al -0.6%), attività di servizi alloggio e di ristorazione (-83 pari a -1.4%), trasporto e magazzinaggio (-32 pari a -1,5%). Si registrano aumenti prevalentemente tra i servizi di supporto alle imprese (+85 pari a +2,9%), le attività professionali (+60, pari al +1,6%) e le attività immobiliari (+17 pari a +0,3%), i servizi alle persone (+22, pari a +3,5%), istruzione (+12 pari al +2,8%), i servizi di intrattenimento (+4 pari a +0,4%).

Il settore artigiano, con 30.148 imprese a fine giugno 2020, registra una riduzione del -0,9% delle unità registrate su base annua. Lo stock delle posizioni attive registra una riduzione di -265 unità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le iscrizioni (284) diminuiscono del -50,0% su base annua e diminuiscono anche le cessazioni (268) del -35,0%. Per questo trimestre si registra comunque un saldo positivo tra iscritte e cessate: +16 unità, contro quello del secondo trimestre dell’anno precedente, +156 unità.

Lo spaccato per genere, età e nazionalità delle posizioni attive evidenzia su base annua una flessione (-3,5%) delle imprese giovanili, un leggero aumento delle imprese straniere (+1,1%). In leggera diminuzione le imprese femminili (-0,9%).

Diminuite le procedure concorsuali di fallimento, scioglimento e messa in liquidazione: 172 nel secondo trimestre del 2020, in confronto alle 336 del corrispondente trimestre del 2019.

L’importazione periodica nel Registro imprese dei dati occupazionali comunicati a INPS in base alla localizzazione dell’impresa consente di stimare, con la cautela necessaria di fronte a dati di origine amministrativa1, gli addetti, cioè le posizioni lavorative presenti nel territorio, al netto del settore pubblico e delle attività dei liberi professionisti.

Le 107 mila unità locali delle imprese attive, diminuite rispetto a un anno fa, impiegano 395.842 addetti. Rispetto allo stesso periodo del 2019 si registrerebbe pertanto una riduzione di 12.321 addetti, con una variazione del -3,0%.

Incrementi si riscontrano nei servizi di supporto alle imprese (+1.578), in agricoltura (+482), nei servizi di alloggio e ristorazione (+292),.

Rilevanti perdite di addetti su base annua si rileva nei comparti manifatturiero (-7.352), riparazione di autoveicoli e moto (-2.723), nel trasporto e magazzinaggio (-1.701), nelle costruzioni (-541), nel commercio all’ingrosso e al dettaglio, nelle attività professionali (-527), nei servizi di informazione e comunicazione (-313), nei servizi alla persona (-229).

 

leggi anche
  • Camera di commercio
    Effetto Covid sulle imprese, indagine a Bergamo: dal 3 al 9% a rischio sopravvivenza
    chiuso closed (da Unsplash)
  • Dal comune
    Progetto Rinascimento: prorogati ed estesi bandi per micro e piccole imprese di Bergamo
    Bergamo riparte dopo il lockdown
  • L'intervista
    Mazzoleni: “Lavoratori, imprese e territorio chiedono unità per uscire da questa crisi”
    Generico giugno 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it