Via il bonus Renzi, nuova integrazione al reddito di 100 euro: per chi - BergamoNews

Fisco Facile

Fisco facile

Via il bonus Renzi, nuova integrazione al reddito di 100 euro: per chi

Il reddito integrativo, che verrà erogato a decorrere dal mese di luglio 2020 sarà pari ad euro 600 per l’anno 2020 (da luglio a dicembre) ed euro 1.200 per l’anno 2021

A partire dal 1° luglio 2020 il cosiddetto bonus Renzi si ritiene definitivamente abrogato, lo stesso però verrà sostituito da una nuova agevolazione, il “trattamento integrativo dei redditi”, che sarà riconosciuta agli stessi beneficiari del bonus Renzi. Ad affiancare il trattamento integrativo ci sarà una nuova detrazione fiscale.

Perciò, per le prestazioni di lavoro rese dal 1° luglio 2020, le due nuove misure di sostegno ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, saranno alternative tra loro: il trattamento integrativo o l’ulteriore detrazione fiscale (artt. 1 e 2, DL n. 3/2020). Come previsto per il bonus degli 80 euro, anche le nuove misure spettano subordinatamente al rispetto di determinati limiti di reddito complessivo annuo prodotto dal lavoratore e sono riconosciute in via automatica dal sostituto d’imposta.

Il reddito integrativo, che verrà erogato a decorrere dal mese di luglio 2020 sarà pari ad euro 600 per l’anno 2020 (da luglio a dicembre) ed euro 1.200 per l’anno 2021 (cento euro al mese). Condizione per l’erogazione è che il reddito percepito dal lavoratore non superi la soglia di euro 28.000.

Tale trattamento è un valore corrisposto netto. Non rientra nella formazione del reddito e quindi non è assoggettato né fiscalmente né a contribuzione. Tale importo sarà erogato solo se l’importo dell’imposta lorda calcolata a scaglioni di reddito sia superiore alle detrazioni previste dall’art. 13, comma 1, TUIR.

Ai titolari di redditi che complessivamente superino la soglia di euro 28.000 e fino ad un reddito massimo di euro 40.000 e per le prestazioni di lavoro rese dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2020, viene riconosciuta un’ulteriore detrazione fiscale sull’IRPEF lorda. A differenza del Trattamento integrativo non si tratta di un bonus erogato in busta paga, ma di una riduzione dell’imposta da versare.

L’importo della detrazione è quindi variabile a seconda del reddito complessivo del lavoratore. È riconosciuta a partire da poco meno di euro 100 mensili per redditi vicini alla soglia inferiore (euro 28.000) e si riduce progressivamente all’aumentare del reddito complessivo fino ad azzerarsi in caso di redditi pari o superiori alla soglia di euro 40.000.

leggi anche
  • Credito
    Ecobonus e Sismabonus: Intesa pronta ad acquistare i crediti d’imposta
    banca intesa
  • Lo scontro
    Bonus Covid ai medici, la Lega attacca Pd e M5S: “Esclusi extramoenia e specializzandi”
    ospedale medici
  • Le istruzioni
    Bonus vacanze, per ora mille strutture hanno aderito in Italia: ecco come trovarle
    bonus vacanze
  • Bergamo
    Bonus vacanze, albergatori tiepidi: “Non aiuta, meglio i soldi del credito d’imposta”
    Camera d'albergo
  • Dal decreto rilancio
    Il bonus locazione per immobili a uso non abitativo: come ottenerlo
    Generico giugno 2020
  • Per capire
    Il Decreto Rilancio spiegato in video/5: come funziona il nuovo ecobonus al 110%
    ecobonus
  • Fisco facile
    Le aziende possono detrarre le spese per sanificazione e sicurezza: come fare
    Sanificazione aziende
  • Partite iva
    Il bonus da 600 euro anche al sindaco di Treviglio, Juri Imeri
    Juri Imeri
  • Treviglio
    Opposizione contro Imeri: “Il problema non sono i 600 euro, ma l’imbroglio che ci sta dietro”
    consiglio Treviglio
  • Fisco facile
    Bonus pubblicità: regime straordinario 2020 e comunicazione entro il 30 settembre
    Bonus pubblicità
  • Fisco facile
    Dal 1° ottobre obbligatorio dotarsi dello Spid: cos’è e come si attiva
    spid
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it