Gli Humulus ritornano con "The Deep", viaggio tra gli abissi della musica stoner - BergamoNews

Musica

Disco e concerto

Gli Humulus ritornano con “The Deep”, viaggio tra gli abissi della musica stoner

La tournée europea è stata annullata, ma ora la band di Andrea Van Cleef torna: domenica a Bergamo

L’uscita dell’album, le date del tour tra Italia e Germania. Tutto era pronto, ma la pandemia ha travolto anche “The Deep”, terza fatica degli Humulus, trio Psych-Stoner, nato nel 2009 tra Bergamo e Brescia.

La tournée europea è stata annullata, ma ora finalmente la band sta per tornare. Domenica 19 luglio alle 20, Andrea Van Cleef, Giorgio Bonacorsi e Massimiliano Boventi presenteranno il loro lavoro per la prima volta nella roccaforte del Birrificio Indipendente Elav a Comun Nuovo

Dopo “Humulus”, “Reverently Heading Into Nowhere” e l’EP “Electric Walrus”, “The Deep”, pubblicato per l’etichetta tedesca Kozmik Artifactz, si presenta come un lavoro compositivo più maturo, dove il sound dinamico si affianca a divagazioni psichedeliche e di pesantezza doom ancora più marcate.

“Abbiamo lavorato a questo album tra il 2018 e il 2019 – spiega Andrea Van Cleef, frontman della band – che è poi uscito lo scorso febbraio. Era tutto pronto per partire con trenta date tra l’Italia e l’estero”.

Il titolo “The Deep” è un chiaro riferimento agli abissi, ai viaggi cosmici e psichedelici tipici del genere suonato dal trio. “Ho pensato che gli abissi del mare fossero un luogo misterioso e affascinante, paragonabile agli abissi del cosmo, per questo è nato The Deep”.

Abituati ai grandi palchi dei più importanti festival Stoner di Germania, Austria e Svizzera, gli Humulus ripartono così dalla loro terra con il sold out quasi immediato.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it