BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gli “Ambasciatori di Donizetti” vincono il premio Cultura+Impresa

Nella categoria "Applicazione dell’Art Bonus" il progetto sostenuto da mecenati bergamaschi, ha vinto il prestigioso Premio per il fattivo sostegno al teatro cittadino

Il progetto “Ambasciatori di Donizetti“, sostenuto da mecenati bergamaschi, ha vinto il prestigioso Premio Cultura+Impresa 2019/2020, nella categoria “Applicazione dell’Art Bonus“.

Il concorso, alla sua settima edizione, è dedicato ai migliori progetti di partnership in campo culturale sviluppati in Italia ed è diviso in tre categorie principali: Sponsorizzazioni culturali, Produzioni culturali d’impresa, Applicazione dell’Art Bonus.

Nella categoria Sponsorizzazioni e Partnership culturali ha vinto il “Festival Verdi, risorsa preziosa per il territorio” di Fondazione Teatro Regio di Parma + Fondazione Cariparma, Chiesi, Crédit Agricole, Mediaset (Parma). Nelle Produzioni culturali d’Impresa il primo Premio è andato a “pArt – Take part, save art” di pArt (Roma), mentre per la categoria Art Bonus è stato assegnato al progetto “Ambasciatori di Donizetti” della Fondazione Teatro Donizetti.

Nato per sostenere il festival dedicato al compositore Bergamasco, il progetto “Ambasciatori del Donizetti” è partito alcuni anni fa, riscuotendo subito un indubbio successo fra le aziende del territorio. L’iniziativa si è subito posizionata tra le migliori in Italia per la raccolta fondi a sostegno dell’opera lirica, una vera e propria azione di membership che attualizza il concetto stesso di mecenatismo, proprio attraverso lo strumento dell’Art Bonus, creato dal Governo per favorire il sostegno dei privati al finanziamento della cultura e prevede agevolazioni fiscali del 65% in tre anni. Dalla sua introduzione in Italia con il decreto legge 83/2014 hanno beneficiato di tale misura 1.884 enti e oltre 15.500 mecenati, per un totale di 3.800 interventi e 464 milioni di euro raccolti su tutto il territorio nazionale.

Per l’intervento di ristrutturazione (costo 18 milioni) il teatro Donizetti ha raccolto oltre 8,5 milioni di euro. Il lungo restauro si è reso possibile grazie all’impegno del Mibact, con i capitali privati che hanno coperto la metà dei costi. Ma gli sgravi, da soli, non bastano se non sono accompagnati dalla sollecitudine culturale della proposta donizettiana. “Non è difficile convincere i capitani d’azienda a sostenere la cultura – sostiene Giorgio Berta, presidente della Fondazione Donizetti – quando c’è un forte legame della città con il suo teatro. Sono commercialista dunque ho una rete di conoscenza e di clientela che mi favorisce in tutto questo. Posso dire che non sono pochi i casi in cui l’adesione è spontanea e prescinde dagli sgravi fiscali perché nasce dalla consapevolezza che l’opera non si regge sulle proprie gambe, la biglietteria copre solo una parte dei costi”.

Questo l’elenco attuale degli Ambasciatori di Donizetti: Alfaparf Group spa, Ambrosini Holding srl, Assolari Luigi & C. spa, Automha spa, Calvi Holding spa, Caseificio Defendi Luigi srl, Cividini Ing. e Co. srl, FraMar spa, Granulati Zandobbio spa, Gripple srl, ICRO, Intertrasport spa, Italcanditi spa, Lovato Electric spa, MC events srl, Montello spa, Neodecortech spa, OMB Valves spa, F.lli Pellegrini spa, Persico spa, PM Plastic Materials, Punto Azzurro srl, Sinergia srl, Sistel srl, Stucchi spa, Tenaris Dalmine. E ancora Ubi Banca, Sacbo e AB Energie.

La cerimonia di premiazione della settima edizione del premio organizzato dal Comitato non profit Cultura+Impresa, promosso da FederCulture e da The Round Table, in collaborazione con Fondazione Italiana Accenture e ALES, è in programma lunedì 20 luglio alle 10 e potrà essere seguita in diretta collegandosi a questo link.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.