Fondi Lega, fermato liquidatore in fuga: indagati anche due commercialisti di Bergamo - BergamoNews
L'inchiesta

Fondi Lega, fermato liquidatore in fuga: indagati anche due commercialisti di Bergamo

Luca Sostegni, liquidatore di una società, è accusato di peculato su fondi della Regione ed estorsione. Nell'indagine coinvolti anche i professionisti Antonio Di Rubba, Andrea Manzoni e Michele Scillieri

Fermato con l’accusa di peculato ed estorsione Luca Sostegni, uno dei nomi collegati all’inchiesta sulla Lombardia Film Commission e i fondi della Lega. Lo annuncia ‘La Repubblica’. Secondo quanto riportato, le accuse a Sostegni sono legate alla vendita dell’immobile di Cormano all’ente Lombardo. Inoltre, nell’inchiesta del procuratore aggiunto Eugenio Fusco e del pubblico ministero Stefano Civardi, risultano indagati per peculato anche due commercialisti di Bergamo vicini al Carroccio: Alberto Di Rubba (ex presidente della fondazione Lombardia Film Commission) e Andrea Manzoni, entrambi collegati al tesoriere leghista Giulio Centemero (non indagato).

Di Rubba, classe 1979, si è laureato in economia e commercio all’Università degli Studi di Bergamo. Il suo nome è legato all’associazione ‘Più Voci’ di via Angelo Maj 24, fondata dal commercialista di Gazzaniga insieme al collega Manzoni e al tesoriere del Carroccio Centemero. La stessa società dalla quale – secondo l’inchiesta giornalistica de ‘L’Espresso’ – si dipanerebbe un fitto reticolo di società che portano in Lussemburgo, sul quale ha messo gli occhi anche la Procura di Bergamo.

Sostegni sarebbe l’uomo delle società che ha venduto all’immobiliare Andromeda per 400 mila euro l’immobile poi acquistato al doppio dalla Lombardia Film Commission. La vicenda è collegata alla ricerca dei fondi della Lega, in cui svolgono un ruolo chiave gli stessi Di Rubba e Manzoni.

Indagato anche l’altro commercialista, Michele Scillieri, amministratore della Futuro Partecipazioni, a cui erano intestate le quote di Andromeda. Anche il nome di Scillieri ha un legame con il mondo leghista: nel suo studio è stata registrata la Lega Per Salvini Premier.

Secondo la ricostruzione del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano, dieci mesi dopo la vendita dell’immobile ad Andromeda da parte della Paloschi srl di Sostegni, nel dicembre 2017, la stessa Andromeda – in quel momento con Di Rubba presidente – vende l’immobile alla C.F. Commission a 800 mila euro, con una plusvalenza di 400 mila euro. Denaro che – secondo le ricostruzioni di Repubblica – resta in pancia alla società, ma poi si perde in mille rivoli, con bonifici destinati a imprenditori e soggetti collegati alla galassia leghista. A Sostegni viene contestata anche l’estorsione: avrebbe chiesto soldi ad altre persone in cambio del suo silenzio su questa vicenda.

leggi anche
  • L'inchiesta
    Caccia ai soldi della Lega, perquisizioni da via Mai fino a Clusone
    Gdf Lega
  • L'anticipazione di repubblica
    Indagine bergamasca sui conti della Lega: “Anche dipendenti pagati in nero?”
    Finanza nostra
  • Il caso
    Nomina di prestigio per il commercialista della Lega di via Maj
    Più Voci via Mai
  • Dalla provincia
    Variante di San Sosimo, si apre il cantiere della rotatoria a Palazzago
    San Sosimo
  • L'inchiesta
    Fondi Lega, dalla pista che porta alla banca di Seriate al passaggio di soldi in Svizzera
    Procura Milano
  • L'indagine
    Inchiesta fondi Lega: ai domiciliari due commercialisti bergamaschi
    Procura Milano
  • Il teste
    Direttore di banca a Seriate sui fondi Lega: “Movimenti di soldi mai visti prima”
    Più Voci via Mai
  • Letto per voi
    Di Rubba voleva un posto nel Cda della Rai
    Rai
  • L'inchiesta
    Fondi Lega, Scillieri ammette: “Parte dei soldi dati a Di Rubba e Manzoni finivano al Carroccio”
    Più Voci via Mai
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it