BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Regione, i Cinque Stelle in aula con i camici bianchi: “Fontana deve andarsene”

I grillini, guidati dal bergamasco Dario Violi, hanno voluto richiamare l'attenzione sull'inchiesta della fornitura di camici e dispositivi di protezione da parte della Dama Spa

Più informazioni su

Hanno voluto chiedere “chiarimenti al presidente Fontana” mostrando dei camici bianchi in aula. È la protesta del Movimento 5 Stelle della Regione Lombardia, che martedì 14 luglio si è presentato in Consiglio regionale con l’indumento “simbolo dei medici” per richiamare l’attenzione sull’inchiesta sulla fornitura di dispositivi di protezione per oltre mezzo milione di euro da parte di Dama Spa, l’azienda di cui è titolare Andrea Dini, il cognato del governatore Attilio Fontana.

“L’azienda, come ormai sappiamo, è di proprietà del cognato di Attilio Fontana indagato dalla procura per turbativa d’asta – spiega Dario Violi -. Il nostro gesto vuole essere di vicinanza ai cittadini Lombardi che stanno facendo non poca fatica a ripartire ed è a loro che la giunta deve dare risposte, fare chiarezza in merito a tutto quello che è successo”.

🔴 CONSIGLIO REGIONALE – PROTESTA IN AULA, FONTANA DEVE ANDARSENE!

Questa mattina, noi del MoVimento 5 Stelle, ci siamo…

Pubblicato da Dario Violi su Martedì 14 luglio 2020

“Nei giorni di emergenza – continua Violi -, mentre le persone che indossavano i camici lavoravano ininterrottamente per salvare vite, qualcuno pensava solo ai propri interessi personali e questo è inaccettabile. Fontana e la sua giunta hanno ampiamente dimostrato di non essere in grado di gestire la Regione, adesso basta, se ne devono andare”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.