Covid, restano 30 pazienti in terapia intensiva: a Bergamo 43 dei 94 nuovi casi - BergamoNews
Gli aggiornamenti

Covid, restano 30 pazienti in terapia intensiva: a Bergamo 43 dei 94 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 9 decessi: scendono a 30 i ricoverati in terapia intensiva mentre i ricoverati non in terapia intensiva salgono di 8 unità. 

Sono 94 i nuovi casi positivi di Covid in Lombardia, di cui 27 a seguito di test sierologici e 22 “debolmente positivi”.

Bergamo rimane la provincia che più contribuisce a questo dato, con 43 nuove positività riscontrate: rimane costante, invece, il numero dei guariti e dei dimessi, ora arrivato complessivamente a 70.375.

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 9 decessi: scendono a 30 i ricoverati in terapia intensiva mentre i ricoverati non in terapia intensiva salgono di 8 unità.

I dati di lunedì 13 luglio:

– i tamponi effettuati: 6.482, totale complessivo: 1.149.414

– i nuovi casi positivi: 94 (di cui 27 a seguito di test sierologici e 22 ‘debolmente positivi’)

– i guariti/dimessi: 70375 (+78), totale complessivo: (68.293 guariti e 2.082 dimessi)

– in terapia intensiva: 30 (-1)

– i ricoverati non in terapia intensiva: 168 (+8)

– i decessi: 9, totale complessivo: 16.757

I nuovi casi per provincia

Milano 15 di cui 6 a Milano città

Bergamo 43

Brescia 13

Como 4

Cremona 4

Lecco 1

Lodi 0

Mantova 3

Monza e Brianza 2

Pavia 2

Sondrio 0

Varese 1

Più informazioni
leggi anche
  • Nel weekend
    Interventi in grotta, verifica tecnica a Dossena per la IX Speleologica
    Dossena, soccorso in grotta
  • Motore
    Carrera Cup Italia, Marzio Moretti con Bonaldi Motorsport
    Generico luglio 2020
  • Zogno
    Covid 19, la Lega: “Ora serve potenziare i servizi sanitari sul territorio”
    Zogno
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it